Ue: ok a riconoscimento per gli itinerari termali

Sono finalmente realtà gli itinerari culturali termali europei: giovedì 25 novembre a Vichy, il Consiglio d'Europa consegnerà ufficialmente all'Ehtta, l'associazione europea delle città termali storiche, il diploma che riconosce e assegna il marchio di 'Itinerario culturale europeo'.
Per ottenere il riconoscimento è necessario possedere cinque requisiti: essere una città termale storica almeno fin dal XIX secolo, avere una fonte termale in attività, possedere un patrimonio architettonico risalente almeno al 19mo secolo, disporre di una tradizione e di infrastrutture di divertimento e di attività culturali (casinò, teatro, sale musica ecc), predisporre un'offerta di qualità (tramite alberghi di fascia alta) e disporre di un numero di camere significativo, appropriato alla funzione termale e turistica della città.
L'Italia conta 378 aziende termali, di cui il 46,8% si trova al nord anche se i picchi di concentrazione si hanno in Campania (113), Veneto (109), Emilia Romagna (24), Toscana (23). 170 sono invece i comuni italiani che hanno un centro termale con un'offerta complessiva di 370mila posti letto.

travelnonstop.com

Ma è il turismo il primo settore dell’e-commerce in Italia

VALERIO MARIANI / lastampa.it
Una risposta alla crisi dei consumi proviene dall’e-commerce: nonostante i valori assoluti siano ancora molto bassi rispetto al resto d’Europa, gli italiani che comprano su Internet crescono, spendono e maturano. Secondo i dati del decimo rapporto dell’Osservatorio promosso dalla School of management del Politecnico di Milano, realizzato in collaborazione con Netcomm, il Consorzio del commercio elettronico italiano, nel 2010 si prevede un incremento del 14 per cento delle vendite online rispetto al 2009.

Dopo un anno di stallo, l’e-commerce torna a crescere registrando un volume di affari complessivo di 6,5 miliardi di euro pari a circa l’1 per cento del valore del mercato retail. Sempre secondo il rapporto, sono circa 8 milioni gli acquirenti online italiani, in crescita di un milione rispetto al 2009. La crescita del volume d’affari è circa il doppio rispetto a quella attesa negli Stati Uniti e in Gran Bretagna per il 2010, mentre è in linea con quella della Francia e superiore a quella della Germania, confermando l’intuizione di un colosso dell’e-commerce come Amazon che in settimana inaugurerà lo store italiano. In particolare per quanto riguarda i settori merceologici, il rapporto dell’Osservatorio attesta l’incremento più alto per il settore dell’abbigliamento (+43 per cento), oltre il doppio degli altri comparti, grazie alle ottime performance di Yoox e all’inaugurazione dei negozi virtuali di molti brand.

Ma è il turismo il primo settore dell’e-commerce in Italia, contando per il 52 per cento sul totale e registrando un incremento di 443 milioni di euro. Risultato, questo, prevedibile visto che il 70 per cento delle transazioni del comparto riguardano il ticketing di treni e voli aerei o, comunque, le vendite di servizi.

A seguire, ma a notevole distanza, l’informatica e l’elettronica di consumo (10 per cento del totale), assicurazioni, abbigliamento, editoria, musica e audiovisivi. In controtendenza rispetto ai mercati di Usa, Gran Bretagna, Francia e Germania, è la vendita dei prodotti. In questi paesi, infatti, risultano essere prevalenti rispetto a quelle dei servizi (60 per cento contro 40), mentre in Italia i servizi come le biglietterie dei treni, degli aerei e degli eventi in generale, contano ancora per il 65 per cento rispetto al totale.

Nonostante i valori in incremento, in Italia non si è ancora diffusa un’abitudine all’acquisto online. Sempre secondo il rapporto del Politecnico di Milano, l’e-commerce italiano rappresenta l’1 per cento del mercato retail mentre in Gran Bretagna il commercio online è il 10 per cento del totale, in Germania è il 7 e in Francia il 5. Un altro dato riguarda il numero di acquirenti su Internet: gli 8 milioni di italiani sono ancora un valore molto basso rispetto ai 28, 20 e 34 milioni di utenti di Gran Bretagna, Francia e Germania. La spesa media di 800/900 euro all’anno, infine, risulta essere allineata a quella di francesi e tedeschi

Promozione, presenza su internet e formazione come strade maestre per il rilancio e lo sviluppo del settore turistico

Promozione, presenza su internet e formazione come strade maestre per il rilancio e lo sviluppo del settore turistico sono state al centro dell'incontro "Ospitalita' italiana: analisi e proposte per lo sviluppo del sistema ricettivo nazionale", promosso da Federalberghi in apertura di Sia Guest, il Salone dell'Accoglienza di Rimini Fiera dedicato all'hotellerie (aperto fino a martedi'), a cui ha partecipato anche il ministro del turismo Michela Brambilla.
"L'ampia offerta di camere e' un punto di forza dell'hotellerie italiana - ha commentato Brambilla - Non c'e' una saturazione, anzi, c'e' spazio per nuovi investimenti redditizi. Internet ha avuto un impatto enorme sul mercato, ampliando gli orizzonti e demolendo il luogo comune secondo cui il futuro appartiene ai grandi gruppi". Il dibattito ha preso il via dai dati sul sistema ricettivo raccolti da Mercury Firenze, e illustrati da Emilio Becheri. Il rapporto fotografa un sistema alberghiero dotato di un'altissima offerta di camere (1.079.465), ma con un tasso di occupazione al di sotto della media europea (40%, contro il 61% della Francia). Secondo Bernabo' Bocca, presidente di Federalberghi, "quella che si sta concludendo e' un'annata turistica di chiaroscuri: a fine anno le presenze saranno sostanzialmente pari a quelle del 2009, con una ripresa della clientela estera e un calo della domanda interna, ma a preoccupare e' il calo di fatturato. Insomma, i turisti continuano a esserci, ma spendono meno". "Serve promozione sul mercato interno, che continua a rappresentare il 60% dei pernottamenti, e sui mercati esteri che possono dare ritorno immediato- ha spiegato il presidente di Federalberghi - per il 2011, ci aspettiamo segnali incoraggianti da Brasile, Russia, India e Cina. A questo proposito, e' urgente che l'Enit, commissariato da troppo tempo, rientri nella pienezza delle sue funzioni. Inoltre, vanno migliorate le infrastrutture: per quanto riguarda le ferrovie, se si esce dalla dorsale dell'Alta Velocita' si ha a che fare con una rete da terzo mondo. Su tutti questi temi, e' necessario un tavolo di confronto con il Governo e le Regioni". L'importanza di Internet e' stata al centro dell'intervento di Fabio Lazzerini, amministratore delegato di Amadeus Italia, che assieme a Federalberghi ha realizzato il portale Italyhotels.it, al quale, in un anno, si sono gia' iscritte 5 mila imprese alberghiere. "La presenza sulla Rete e' fondamentale - ha sottolineato Lazzerini - ed e' anche un importante strumento di destagionalizzazione". Per quanto riguarda l'Enit, il ministro Brambilla, nel corso del suo intervento, ha assicurato che "l'iter di ricostituzione degli organi sta giungendo al termine: un apposito decreto e' all'esame della Conferenza Stato-Regioni. "Ho intenzione di rinnovare la mia piena fiducia al commissario Matteo Marzotto, visti gli ottimi risultati ottenuti- ha concluso - nei primi sei mesi dell'anno, i flussi turistici sono aumentati del 5,3%".(AGI)

Al via la 60esima Fiera del Guest a Rimini