In mostra la bella Irpinia: il turismo punta sull’arte

Tornano di scena gli appuntamenti targati “Nascette … sotto Federico II”, l’originale iniziativa di promozione territoriale “made in Irpinia” che punta al turismo di qualità. Ben 40 eventi natalizi si alterneranno da oggi, 28 dicembre, fino al 6 gennaio in numerosi comuni irpini: Montefalcione, Pratola Serra, Lacedonia, Gesualdo, Serino, Montoro Inferiore, Volturara Irpina, Lacedonia, Montoro Superiore.
IL PROGETTO
Il progetto storico-culturale, finanziato in parte dalla Regione Campania, coinvolge Montefalcione come comune capofila di un partenariato di ben undici enti locali: Candida, Gesualdo, Lacedonia, Montoro Inferiore e Superiore, Prata di Principato Ultra, Pratola Serra, San Nicola Baronia, Serino e Volturara Irpina. Il cartellone complessivo degli eventi, che va dal mese di dicembre ad aprile 2012, è ricco di appuntamenti e soprattutto variegato per ogni tipologia di pubblico. “Nascette… sotto Federico II” è un progetto che intende raccontare la Campania, in particolare l’Irpinia, in un viaggio che l’attraversa per poterla mostrare dal punto di vista folkloristico e delle sue tradizioni.
GLI APPUNTAMENTI IN IRPINIA DAL 28 DICEMBRE AL 6 GENNAIO
Dopo i numerosi eventi che hanno già attraversato l’Irpinia fino al 27 dicembre, da oggi e fino all’Epifania si prosegue con le nuove tappe del progetto “Nascette … sotto Federico II”, particolarmente ispirate al clima natalizio e di festa di questi giorni. Oggi, 28 dicembre, doppio appuntamento a Montefalcione (teatro Tenda) e Pratola Serra (San Michele di Pratola, piazza dei Mercadanti) dove si svolgerà, rispettivamente, dalle 20.30 la proiezione di un film a cura del forum giovanile e dalle 18 la rappresentazione del presepe vivente. Il 29 tappa in 5 comuni: Pratola Serra (San Michele di Pratola, dove in piazza dei Mercadanti sarà di scena dalle 18 il presepe vivente); Lacedonia (alle 20.30 presso il teatro comunale appuntamento con lo spettacolo teatrale “Preferisco il Novecento” a cura di Luciano Capurro, mentre dalle 17 zampogna e ciaramella itineranti al mercatino di natale); Gesualdo (che ospiterà presso la chiesa Santissimo Rosario un concerto di musica natalizia a cura di giovani musici gesualdini, a partire dalle 20.30); Montefalcione (presso il teatro Tenda serata liscio e latino americano a cura de “Gli amici del ballo”); Serino (presso la Chiesa San Giovanni Battista, frazione Ferrari, dalle 19, Canti e musiche della tradizione popolare natalizia, a cura del Gruppo Paranza ‘ro lione). Si prosegue il 30 a Montefalcione (presso il teatro Tenda, con musica popolare dell’Irpinia a cura di Pratola folk, dalle 20.30), Montoro Inferiore (al centro sociale sindacale “Salvatore Carratù”, dalle 20, spettacolo teatrale “Al teatro… momenti magici” della compagnia teatrale “Luna rossa”), Volturara Irpina (al centro storico a Cap nnimont! dalle 18 zampogne e ciaramelle itineranti nel presepe). Per l’ultimo dell’anno, a Montefalcione concerto di fine anno con Valerio Ricciardelli e Klezband, di scena alle 22.30 presso la tendostruttura; a Pratola Serra, presso la palestra comunale della scuola elementare, alle 23, veglionissimo di capodanno; a Volturara Irpina concerto di fine anno del Gruppo Paranza ‘ro lione dalle 22 presso la tendostruttura e poi dj music; a Montefalcione da mezzanotte dJ music presso la tendostruttura. Il primo gennaio a Montefalcione appuntamento con la serata danzante a cura de “I nuovi del liscio”, presso il teatro Tenda dalle 21 ed a Pratola Serra, presso l’Auditorium Giovanni Paolo II, alle 16, film per bambini, a seguire film per tutti. Il 2 gennaio a Montefalcione è in programma animazione per bambini e proiezione film a cura della Croce Rossa Italiana di Montefalcione, alle 18.30 presso il teatro Tenda, mentre a Pratola Serra, presso il centro di comunità di Serra di Pratola, alle 17, serata cinema “Film per bambini”, presso la chiesa Maria SS. Addolorata, poi alle 18.30 “Concerto di Natale” a cura del coro ADA di Pratola Serra. Infine, presso il teatro comunale (scuola media), alle 20, spettacolo teatrale “Miseria e nobiltà” a cura della compagnia teatrale “Teatro nel teatro”, ed alle 21, presso il centro di comunità di Serra di Pratola, serata cinema “Film per tutti”. Altri appuntamenti sono in calendario per il 3 gennaio, a partire da Lacedonia, dove, presso il teatro comunale, alle 20.30, si terrà lo spettacolo teatrale a cura di Luigi Frasca, mentre a Montefalcione, presso il teatro Tenda, alle 17 il teatro dei burattini “La casa di pulcinella” ed alle 20.30 serata di canto e danza a cura dell’Accademia dello spettacolo e dell’arte Liberty. A Pratola Serra, presso il Palasport “Don Teobaldo Acone”, alle 20.45 spettacolo di cabaret “Scusatemi se insisto… Il meglio del fondamentalista”, a cura di Enzo Costanza e Simone Schettino. Il 4 gennaio, a Montefalcione, presso il teatro Tenda, alle 20.30, sarà di scena lo spettacolo teatrale “Natale al basilico” a cura dell’Accademia dello spettacolo e dell’arte Liberty, mentre a Pratola Serra presso l’ Auditorium Giovanni Paolo II, prima alle 19.30 Premio “Pratola Serra nel mondo”, poi alle 20.30 tombolata di beneficienza alla quale interverranno i “Pratola Folk”. Numerosi anche gli appuntamenti del 5 gennaio, a partire da Montefalcione, dove, presso il teatro Tenda, alle 18, ci sarà lo spettacolo teatrale “Il gatto con gli stivali” a cura del Teatro dell’osso, poi alle 22.30 veglione Bar Italia e Bar Kaffeina. A Montoro Superiore, in frazione San Pietro, alle 17, esposizione artigianato e prodotti tipici con zampogna e ciaramelle nel presepe vivente, ed alle 20.30, presso il centro di comunità di Serra di Pratola, “Serata cabaret” a cura del centro “Enzo Aprea” di Atripalda con i Teatrabili. A Volturara Irpina, invece, presso la tendostruttura, alle 19.30, concerto di tradizioni musicali natalizie a cura dell’associazione culturale Simposio. Gli eventi natalizi di “Nascette … sotto Federico II” chiudono il 6 di gennaio a Montefalcione, presso il teatro Tenda, alle 21, con tombolata della Befana; a Montoro Inferiore, presso il centro sociale sindacale “Salvatore Carratù”, alle 20, con lo spettacolo teatrale “Filumena Marturano” a cura della Compagnia teatrale “Totò”; a Montoro Superiore, frazione San Pietro, alle 17, con l’esposizione di artigianato e prodotti tipici, zampogna e ciaramelle nel presepe vivente; a Pratola Serra, in corso Vittorio Emanuele, alle 15, con lo spettacolo di animazione per bambini “E’ arrivata la befana” a cura di Tony&Fiore. Infine, a Serino presso il mercato coperto di Sala di Serino, alle 17, con lo spettacolo per bambini a cura di Magic Animation.

di Antonietta Miceli  - denaro.it

Prato: regala molte sorprese

Stritolata dalla superba e vicina grandiosità di Firenze, Prato rischia di non essere valorizzata come merita. Perché la città toscana è molto più del capolugo del tessile, peraltro nel bel mezzo di una crisi. La "trasferta" di un grande artista veneto può essere l'occasione per scoprirla, lasciandosi sorprendere da piaceri e attrazioni inaspettate.

Partiamo dunque dalla visita di cortesia che la famiglia Bassano - una delle più grandi "macchine" di produzione pittorica, attiva dalla metà del Cinquecento - rende a Prato. Il maestro Jacopo, i suoi figli, gli artisti di bottega e gli innumerevoli seguaci furono celeberrimi ai loro tempi e autori di opere ricercatissime, oggi sparse nei musei di tutto il mondo. Dopo un periodo di oblio, la grandezza di questo movimento fu riscoperta di recente, agli inizi degli anni Novanta, con una mostra storica allestita nella loro casa, Bassano del Grappa, e poi replicata negli Stati Uniti. Ebbene, la straordinaria raccolta di dipinti di Jacopo Bassano e dei figli Francesco, Leandro e Gerolamo, custodita in permanenza nel Palazzo Thiene di Vicenza e di proprietà della Banca popolare vicentina, si è trasferita al Palazzo degli Alberti di Prato, dove resterà aperta al pubblico dal 17 dicembre al 5 febbraio 2012.
"Andata al calvario" di Francesco Bassano.
"Andata al calvario" di Francesco Bassano.
 
La collezione comprende alcuni capolavori di Jacopo, come Lazzaro alla mensa del ricco Epulone, la Madonna con Bambino e San Giovannino, meglio nota come Madonna Spencer perché donata dal re d'Inghilterra agli inizi del Settecento ai conti Spencer, avi di Lady Diana. Verrà presentata al pubblico anche l'ultima acquisizione della raccolta dei Bassano di Palazzo Thiene, un inedito dipinto di Francesco Bassano, il più talentuoso dei figli di Jacopo: Andata al calvario. E siccome alle visite di cortesia bisogna rispondere con un'altra visita di cortesia, a Vicenza arriveranno i capolavori toscani della Banca, cusotoditi di norma proprio al Palazzo degli Alberti.

Una volta che la famiglia Bassano vi avrà condotti a Prato, non vi resta che lasciarvi sorprendere dalle sue bellezze e dai piaceri che sa regalare. Ne indicheremo alcuni. Agli appassionati d'arte contemporanea si presenta l'occasione di visitare il Centro Pecci, molto attivo e ricco di iniziative. Ricche e notevoli le architetture religiose. Limitandoci al centro storico, merita una sosta il Duomo - che contiene un'altra delle ragioni per cui vale la pena andare a Prato, ovvero gli affreschi di Filippo Lippi, una delle massime espressioni del Rinascimento -, le Chiese di Sant'Agostino, San Domenico e San Francesco e il Monastero di San Vicenzo. Di Prato era anche il fondatore dell'Istituto degli innocenti di Firenze, tal Francesco Datini, celebre mercante del Quattrocento: sul sito www.francescodatini.it è segnalato un suggestivo itinerario cittadino di "luoghi datiniani", fra palazzi, ville, chiese, archivi, oratori. Quanto ai piaceri della gola, in centro troverete le irresistibili creazioni del Caffè nuovo mondo.
 
Paolo Perazzalo - famigliacristiana.it

Luoghi dello spirito: Greccio, là dov'è nato il presepe

A Greccio, provincia di Rieti, quasi 800 anni fa, san Franceso rappresentò la Natività. Oggi la tradizione si ripete. E nella Valle Santa i fedeli visitano i santuari francescani.

famigliacristiana.it

Il santuario di Greccio (Rieti), situato nel piccolo comune abbarbicato sulla montagna, fu molto amato da san Francesco che qui, nel 1223 allestì una rievocazione sacra della nascita di Gesù. Nacque così il presepe, che da allora, in tutto il mondo, ricorda la Natività.

Fu realizzata tra i Monti Sabini una Betlemme umile e semplice e lì ogni anno a Natale si torna indietro nel tempo, con una rappresentazione sacra che ricorda l’arrivo di san Francesco sul Monte Lacerone, nel 1209, l’ascensione alla grotta della Natività, il suo presepe. Si ammirano sei quadri viventi, che  ricostruiscono  minuziosamente usi e costumi medievali, immersi nella bellezza dei luoghi. L’evento dura un’ora, ci sono circa 2.000 posti in tribuna riscaldata,  queste sono le date: 24 dicembre, ore 22.30; 26 dicembre, ore 17.45; 1° gennaio, ore 17.45; 6 gennaio, ore 17.45; 7 gennaio, ore 17.45; 8 gennaio, ore 17.45.

Greccio si trova nel cuore del Cammino di Francesco, un itinerario inaugurato nel 2003 nel territorio della conca di Rieti, la Valle Santa reatina. Le tappe portano nella Rieti medievale, con i suoi palazzi e le sue chiese, nei Santuari di Greccio, La Foresta, Poggio Bustone e Fontecolombo,  nel bosco del Faggio di San Francesco a Rivodutri, nell’antico borgo di Posta, perla della Valle del Velino, sulle vette del Terminillo.
Il santuario di Greccio.
Il santuario di Greccio.
Lungo il Cammino di Francesco è presente la segnaletica in legno e, nei centri abitati, le frecce direzionali sulla pavimentazione.  Il cammino si può fare a piedi, in mountain bike, a cavallo, in automobile (questa modalità è stata resa possibile per tutti coloro che hanno difficoltà motorie). Nella provincia di Rieti il Santo soggiornò e lungo “per una speciale predilezione e per lo splendore dei molti miracoli”.

Ogni santuario, oggi, ricorda momenti importanti della vita di Francesco. Il santuario di Fontecolombo è il monte scelto per stilare la Regola definitiva del suo Ordine. Qui tutto è sacro: gli edifici, la fonte d’acqua purissima e il bosco stesso, perché racchiude il Sacro speco, la grotta in cui fu scritta la Regola. Qui  san Francesco fu operato agli occhi.

Il santuario di Santa Maria della Foresta, nato intorno alla chiesina di san Fabiano, è un convento di straordinaria suggestione. Chi cerca la pace e vuole, come lui,  fuggire dalla “pompa del mondo” trova in questo convento appartato un luogo ideale.  Immerso nel verde intenso dei boschi, probabilmente ispirò l’immortale Cantico delle Creature.

Il santuario di Poggio Bustone è uno dei luoghi più vicini allo spirito di san Francesco, apre l’animo del pellegrino alla meditazione e alla contemplazione. Qui egli arrivò nel 1209 con sei compagni, nel Sacro Speco ricevette il perdono dei peccati giovanili. Lungo il sentiero che porta alla grotta, tra querce secolari e aceri campestri, si incontrano sei edicole erette intorno al 1650 a ricordo di fatti miracolosi.

Sia che si voglia assistere alla rappresentazione del presepe vivente a Greccio o che si voglia visitare uno dei santuari è possibile fermarsi in strutture disposte lungo il cammino di Francesco, che offrono la loro ospitalità ai pellegrini.

Rosanna Precchia

 

Bergamo pubblica “Bergamo terra di fede e cultura”, il catalogo dedicato al turismo religioso

Si tratta di un opuscolo di 16 pagine che raccoglie quanto la provincia orobica offre a chi è desideroso di compiere un percorso tra i santuari e i luoghi cari a Papa Giovanni XXIII. La  guida completa l’offerta del catalogo Unico della turismo orobico, che contiene le proposte relative al turismo scolastico, agli eventi dell’anno e ai pacchetti vacanza.

«Bergamo è una terra di grande religiosità, ricca di un patrimonio storico, artistico e culturale che si è conservato magnificamente – afferma Silvano Ravasio, presidente di Turismo Bergamo -. Quello che stupisce è il numero sempre maggiore di pellegrini che visitano sia i luoghi di Papa Giovanni XXIII, a partire da Sotto il Monte, suo paese natale, sia i numerosi santuari che costellano la nostra provincia, segno di una tradizione religiosa ancora viva. Il catalogo che abbiamo preparato vuole essere uno strumento agile, semplice e utile a suggerire alcuni itinerari per noi interessanti sia sotto il profilo religioso che architettonico».

Il catalogo si apre con l’immagine della scultura che si trova nel cortile della casa natale di Papa Giovanni XXIII a Sotto il Monte (opera di Carlo Balljana e Diotisalvi Perin) e che rappresenta il Papa Buono a colloquio con i suoi genitori. All’interno le proposte articolate sono tre: “Sulle orme di Papa Giovanni” e gli “Itinerari Mariani” e “I grandi capolavori”.

Il primo itinerario propone i luoghi più significativi dell’infanzia e della vita di Papa Giovanni XXIII: la casa natale, S.Maria in Brusicco, Ca’ Maitino, l’Abbazia di Sant’Egidio, il Santuario della Madonna del Bosco ad Imbersago e quello della Madonna della Cornabusa a Sant’Omobono Terme.
Ricca di suggerimenti è la sezione dedicata agli “Itinerari Mariani”. «Nella nostra provincia ci sono tantissimi santuari – spiega Ravasio -.  Se ne contano oltre cento, alcuni molto noti a livello nazionale, come il Santuario di Caravaggio, altri solo a livello regionale o provinciale, come il Santuario della Cornabusa o quello di Ardesio. Tutti hanno storie molto belle e sono segno di una fede profonda e di una grande tradizione cristiana».

L’itinerario mariano di Turismo Bergamo parte dalla città con il Santuario della Beata Vergine Addolorata in Borgo Santa Caterina, tocca quello dedicato alla Madonna della Castagna (in via Fontana) per poi proseguire verso Stezzano con quello della Madonna dei Campi e salire verso Sombreno al Santuario della Natività della Beata Vergine. Di lì si dirige verso la Valle Brembana per raggiungere il Santuario della Madonna del Perello ad Algua, quello della Madonna della Costa a San Giovanni Bianco e della Madonna della Foppa a Gerosa. Dalla Valle Brembana al territorio valdimagnino dove, oltre al Santuario della Cornabusa, viene segnalato il Santuario della Madonna del Castello ad Almenno San Salvatore.
Anche la pianura è ricca di proposte: il Santuario di Santa Maria del Fonte a Caravaggio, la Madonna delle Lacrime a Treviglio e il Santuario della Bassella a Urgnano.

Dalla pianura ai laghi per visitare la Madonna della Torre a Sovere. E dai laghi alla Val Seriana, dove l’itinerario tocca ben sei luoghi sacri: ad Ardesio La Madonna delle Grazie, a Colzate San Patrizio, a Pradalunga della Forcella, ad Oneta la Madonna del Frassino, a Vallalta di Albino la Beata Vergine di Altino e a Nembro la Beata Vergine dello Zuccarello.

Chiude il catalogo la sezione dedicata a “I grandi capolavori”, che brevemente introduce il pellegrino ad alcune delle più importanti opere della terra orobica: la Basilica di Santa Maria Maggiore in città, l’Abbazia di Pontida, la Basilica di Alzano Lombardo, la Chiesa dei Disciplini con la Basilica di Santa Assunta a Clusone, la Chiesa e il Convento di San Bernardino a Caravaggio e le chiese del parco del Romanico negli Almenno. I tre principali musei di arte sacra della provincia chiudono la sezione: Bernareggi di Bergamo, S. Martino di Alzano Lombardo e quello dell’Abbazia benedettina a Pontida.

Il catalogo è diffuso gratuitamente da Turismo Bergamo.

iltitolo.it

Il turismo culturale e' ormai secondo solo a quello balneare

(Adnkronos) - C'e' una decisa ripresa del turismo internazionale, nell'ambito della quale pero' la domanda in Europa cresce meno della media, mentre vanno forte le richieste asiatiche. L'Italia, nel contesto europeo, si trova, proprio grazie all'attrattiva del suo patrimonio culturale, nella condizione favorevole per intercettare la nuova domanda che nasce soprattutto dai paesi emergenti, dal momento che e' soprattutto la motivazione culturale quella che spinge questi nuovi consumatori di turismo. E' il quadro di insieme che emerge dalla 19/esima Borsa mediterranea del turismo archeologico, che si sta svolgendo a Paestum in Campania, dove e' intervenuta l'assessore regionale al turismo della Toscana, Cristina Scaletti.
A trainare la ripresa sono proprio i territori specializzati nel turismo culturale, che presentano caratteristiche storico-artistiche e attrattive paesaggistiche, concentrati in citta' d'arte o diffusi nei borghi incastonati nel paesaggio italiano, fortemente attrattivo per la componente straniera della nostra clientela turistica.
''Il centro dell'attenzione su turismo e cultura in Toscana e' da sempre altissimo, e d'altra parte il turismo culturale e' ormai secondo solo a quello balneare'', ha detto Scaletti.

Giovedi' 24, alle ore 19, inaugurazione in contemporanea dei cinque Mercatini di Natale dell'Alto Adige: Bolzano, Merano, Bressanone, Vipiteno e Brunico

(AGI) Bolzano - Giovedi' 24 Novembre 2011, alle ore 19, inaugurazione in contemporanea dei cinque Mercatini di Natale dell'Alto Adige: Bolzano, Merano, Bressanone, Vipiteno e Brunico. Migliaia di turisti, soprattutto delle regioni italiane, arriveranno in auto, treni speciali, autobus e addirittura in aereo. Come da tradizione i Mercatini di Natale, i 'Christkindlmarkt' o 'Weihnachtsmarkt', propongono gli oggetti e i prodotti tipici dell'artigianato e della gastronomia altoatesina. Decorazioni per la casa, figure in legno, ceramica, vetro, abbigliamento tipico tirolese, idee regalo e la vasta pasticceria locale. Il Mercatino di Bolzano regala come sempre un tuffo nella magica atmosfera della tradizione dell'Avvento ...

La sfida Art&Tourism Spazio alla cultura

Mettere in contatto tutti gli attori della filiera del turismo culturale, che da solo nel mondo muove oltre 300 milioni di viaggiatori. Questo l'obiettivo principale di Art&Tourism, la nuova fiera targata TTG che debutterà il prossimo anno a Fortezza da Basso di Firenze, dal 18 al 20 maggio. Un format innovativo, che darà spazio sia all'aspetto prettamente b2b sia all'apertura al pubblico. Una fiera suddivisa in aree tematiche che metterà in mostra le destinazioni, l'offerta culturale e artistica, le grandi manifestazioni, le 'smart cities', le società di servizi correlate alla cultura e il mondo della formazione.

La fiera prende forma
"All'indomani di TTG Incontri e dell'avvio ufficiale della commercializzazione di Art&Tourism - sottolinea l'amministratore delegato di TTG Italia Paolo Audino - la risposta del mercato è molto buona. Al di là dei numerosi contratti già firmati e delle trattative in corso, il sentiment del mercato è eccellente, sia nel mondo delle imprese turistiche, sia in quello degli operatori di arte e cultura, sia infine nelle istituzioni". In queste settimane la nuova fiera sta prendendo forma ed è già stata definita la suddivisione degli espositori nei padiglioni del complesso fiorentino: "Un layout - aggiunge Audino - che consentirà a visitatori trade e pubblico di effettuare una visita ragionata, lungo percorsi che costituiranno dei fil rouge tra le principali attrattive e destinazioni di turismo culturale".

Contenuti in primo piano
Al centro dell'attenzione saranno anche i contenuti: la convegnistica, la formazione e gli eventi. "Nel primo caso sono previsti tre convegni principali - spiega l'a.d. -, uno per giorno, durante i quali verranno trattate tematiche di tipo istituzionale, scientifico e culturale; questi saranno poi accompagnati da seminari di contorno che completeranno la proposta. La formazione invece sarà rivolta in modo specifico agli operatori di turismo e cultura".  Sul fronte degli eventi a Fortezza da Basso saranno presenti tre piazze dove già da venerdì, ma in particolare il sabato e la domenica, si susseguiranno spettacoli e performance.
   
Gli spazi dedicati al trade
"Tornando all'aspetto trade - entra nel dettaglio Paolo Audino - i visitatori della fiera saranno t.o. nazionali e internazionali interessati all'offerta artistica e culturale presente in fiera. Saranno ospiti della manifestazione e usufruiranno di un programma di incontri preorganizzati gestiti tramite agende online". Sono inoltre attesi numerose agenzie di viaggi e trade visitor del settore "proprio perché la manifestazione rappresenta un momento unico di incontro tra domanda e offerta - aggiunge -: riteniamo infatti che soprattutto le adv, in questo momento di volatilità, siano alla ricerca di nuovi prodotti e accordi che contano, come in questo caso, su un turismo individuale ancora prevalente".

Promozione sul web
Anche il web sarà grande protagonista nella promozione di Art&Tourism, soprattutto con iniziative di tipo social; in arrivo anche importanti accordi di partnership e sponsorship "che daranno alla fiera le dimensioni e la visibilità che il mondo della cultura e del turismo si aspettano" dice ancora Audino, che rivela poi un aspetto legato al territorio che ospiterà l'evento: "La reazione più significativa alla novità è stata proprio quella della Regione Toscana, che ha messo da subito a disposizione le sue strutture, come Toscana Promozione e Toscana Lab, per lavorare concretamente sul progetto. A testimonianza anche della sensibilità dell'assessore Cristina Scaletti, che segue proprio le aree di Turismo e cultura".

ttgitalia.com

Turismo vincente con il cinema

(di Valentina Roncati)

Per anni i film sono stati un mezzo per conoscere il mondo senza muoversi da casa. Adesso, spesso, si viaggia per conoscere i luoghi in cui sono stati girati film o fiction di grande successo. E' il fenomeno del cineturismo, scoppiato gia' da alcuni anni, grazie al quale l'industria cinematografica e' diventata un motivo di forte impulso per il territorio. Si calcola che ogni anno nel mondo siano circa 100 milioni i viaggiatori, principalmente americani o inglesi, che visitano luoghi e citta' sul filo delle memorie e delle suggestioni del cinema; 10 milioni di visitatori solo in Italia, dove le presenze straniere sui luoghi del cinema - 1.700 location, secondo sono dati del mensile 'qui Touring' di ottobre - sono 41.622.000.

Cosi' chi decide di seguire Don Matteo a cavalcioni della sua amata bicicletta - proprio in queste settimane Rai 1 sta proponendo una nuova, fortunatissima serie della fiction - scoprira' i gioielli medioevali di Gubbio, gli eleganti interni dei palazzi, la rete di ripide viuzze e vicoli dei quattro quartieri su cui si affacciano botteghe artigianali che spaziano dalla ceramica al legno, dal ferro battuto alla liuteria e alla lavorazione della pelle. Dire che le serie televisive di successo fanno bene anche al turismo e' usare una parola riduttiva.

Nel primo anno di messa in onda di 'Elisa di Rivombrosa' il piemontese castello di Aglie', diventato nella vicenda la residenza dei Ristori, ha decuplicato il numero dei visitatori: da 8.549 del 2003 a 92.091 del 2004 per assestarsi, nel 2006 a 57.056 presenze. Citta' della Pieve, nel 2001, primo anno della messa in onda di 'Carabinieri' ha visto una crescita del 20% delle presenze.

E nonostante i nomi dei luoghi, delle storie e delle riprese non coincidano (l'immaginaria Vigata e' Ragusa Ibla, Merfi e' Menfi, Fiacca e' Sciacca, Raccadali e' Raffadali), il turismo in tutta la Sicilia del sud-est e' cresciuto, dal 1998, in cui la fiction ha debuttato, al ritmo del 12-14% l'anno, con un aumento esponenziale dei bed & Breakfast e gli agriturismi, da 65 nel 2001 ai 2900 del 2006, di cui molti intitolati al commissario, fra cui 'La casa di Montalbano', a Punta Secca.

Piu' recentemente e' stato il Duomo di Milano, che certo non aveva bisogno di pubblicita', a veder aumentare i visitatori dopo aver fatto da quinta a Checco Zalone nel suo 'Che bella giornata', con 43 milioni e mezzo di incasso, mentre Castellabate nel Cilento (Sa) protagonista del film 'Benvenuti al Sud', con Claudio Bisio, in un anno ha visto crescere le presenze turistiche del 75%. Proprio per incentivare le riprese nel territorio, stanno proliferando le commissioni cinematografiche, generalmente private o miste, che in Italia, secondo quanto scrive 'qui Touring', sono piu' di 40.

Alcuni siti propongono anche itinerari turistici a tema. E' il caso, per esempio, dell'associazione Amici di Roma con la quale e' possibile effettuare affascinanti passeggiate ripercorrendo i luoghi in cui furono girate le scene de 'La Dolce Vita' di Federico Fellini e 'Vacanze romane' con Audrey Hepburn e Gregory Peck. Il cinema puo' diventare anche una occasione per guadagnare soldi sfruttando la propria abitazione, anche se e' un semplice appartamento. Si puo' infatti offrirlo come location per spot pubblicitari, fiction e film. Di fronte alla scomodita' di avere la casa invasa da troupe e attori si possono guadagnare cifre consistenti.

On line si trovano diversi siti di offerta location . E per chi vuole visitare il set cinematografico per eccellenza, dove hanno lavorato registi del calibro di Fellini e Visconti, questo e' un anno particolare: fino al 30 novembre Cinecitta', a Roma, festeggia i suoi 74 anni aprendo le porte al pubblico con 'Cinecitta' si Mostra' negli storici studi di via Tuscolana. Alle location e' dedicato anche un concorso internazionale, l'Ischia Film Festival, che quest'anno ha celebrato la nona edizione.

ansa

Salone Nautica a Genova, si salpa Tanti gli appuntamenti e le promozioni

GENOVA - Apre il 51/o Salone Nautico Internazionale di Genova.

GLI AVVENIMENTI DI OGGI - Inaugurazione (ORE 10.30) e saluti delle Autorita' presso Sala Liguria del Fieracongressi (ORE 11.30). Intervengono, tra gli altri, il ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli, il presidente Regione Liguria, Claudio Burlando, la sindaco di Genova, Marta Vincenzi, il presidente di Ucina, Anton Francesco Albertoni.

Fiera, Teatro del Mare
- Conferenza stampa di chiusura dell'evento 'La Regata dei Cetacei 2011'. (ORE 14-15) - Presentazione progetto del giro del mondo 'Ocean Wolrd' di Matteo Miceli. (ORE 15-16). - Presentazione del libro 'Nessuno Resti a Terra' di Giovanna Caratelli con prefazione di Matteo Miceli. (ORE 16-17)

Fiera, Sala Stampa
- Presentazione del nuovo esame di patente nautica a quiz. (ORE 13). - 'Mare Sicuro 2011', conferenza sui dati inerenti i soccorsi a diportisti e bagnanti effettuati nel corso della stagione estiva dalla Capitaneria di Porto Guardia Costiera. (ORE 16-17). - Azimuth Yachts stand, piazzale Marina 1 Azimuth Benetti press meeting. (ORE 16). Fiera, ingresso del quartiere fieristico - Inaugurazione della mostra sui 150 anni dell'Unita' d'Italia. Dopo il taglio del nastro (10.30), fara' seguito una conversazione con il giornalista e velista Piero Ottobre, il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando, l'architetto Giorgio Oikonamay e il professor Ferdinando Fasce. Terrazza padiglione B - Fiera di Genova - Premiazione de 'Il barchino d'oro' con concerto dell'orchestra del Teatro Carlo Felice. (ORE 20.30).

SCONTI E PROMOZIONI - Per la prima volta quest'anno il Salone resterà aperto nel giorno di inaugurazione fino alle 22.30: a partire dalle 18.30 l'ingresso costerà 12 euro e sarà gratuito per i bambini fino a 10 anni se accompagnati da un adulto. E' questa una della tante opportunità dell'edizione numero 51 della rassegna, che apre i battenti il primo ottobre.

Durante i normali orari di apertura diurna, dalle 10 alle 18.30, possono inoltre usufruire dell'ingresso ridotto a 12 euro le comitive composte da almeno 30 persone, i militari, i disabili e per i bambini da 6 a 10 anni. I bimbi fino a 5 anni entrano invece gratis. I biglietti ridotti si possono acquistare presso le biglietterie del Salone.

Il biglietto del salone offre molteplici opportunità in città, in particolare nell'area del porto Antico: riduzione di 2 euro (3 euro per gli espositori) sull'ingresso all'Acquario di Genova e al Galata Museo del Mare; sconto di 1 euro (2 per gli espositori) per l'accesso all'AcquarioVillage (valido un anno dalla prima visita) per la Città dei Bambini, per l'Ascensore del Bigo e per la Biosfera.

Presentando il biglietto del Salone si può usufruire, inoltre, dal 27 settembre all'11 ottobre, di tariffe agevolate per le visite ai Musei civici di Genova. Sconti anche al cinema, alla multisala The Space.

Sono numerose anche le promozioni speciali in occasione del Salone Nautico. AirFrance/Klm offre, dal 26 settembre al 14 ottobre apposite tariffe esclusive per i vettori con destinazione finale Genova. I biglietti si possono acquistare online utilizzando il codice identificativo 14121AF. Biglietti scontati infine per l'ingresso al Salone a tutti i soci del Touring Club Italiano. E' inoltre partita l'iniziativa "Qui Ticket di porta al Salone": i carnet di buoni pasto Qui! Group, nel mese di settembre, contengono un coupon-sconto per l'ingresso al salone.


ansa

Il nuovo look olimpico di Londra. Nasce la città eco-compatibile

Tra poco meno di un anno Londra accoglierà le Olimpiadi estive, e non per la prima volta. La capitale britannica, infatti, aveva ospitato l'evento già nel 1908 e nel 1948. Di certo, dunque, non è una neofita ma mai come in questa occasione all'ombra della Union Jack si lavora sodo per dimostrare che l'aver battuto Parigi, data per molti per favorita sino al ballottaggio finale, sia frutto di una oculata progettualità di legacy, dell'eredità, cioè, che l'appuntamento lascerà a tutto il Paese. La candidatura londinese, infatti, è stata concepita in funzione della riqualificazione di una vasta zona della città, la Lower Lea Valley, nel quartiere di Stratford. Qui, in una ex area degradata con elevata disoccupazione e alto indice di criminalità, 246 ettari di parco accoglieranno il Centro Olimpico con nove impianti sportivi compreso l'Acquatic Centre, il centro natatorio firmato dall'archi-star Zaha Hadid sviluppato su una superficie di 14mila metri quadrati. Grazie a un investimento di 9,3 miliardi di sterline (di cui solo il 25% sarà speso per il Giochi e il 75% per la fase successiva) il pool di progettisti ha calcolato che si accelererà di 25 anni la rigenerazione del quartiere che sarà collegato con la City da due nuove fermate della metropolitana e che prevede nuovi spazi culturali e commerciali. Un progetto che, e fa piacere dirlo, porta una firma tutta italiana, quella dell'architetto Mario Kaiser, genovese di origine ma trapiantato a Londra. Nel Parco olimpico l'80% degli impianti sportivi sul fiume saranno smantellati dopo settembre 2012. Ne resteranno solo quattro e lo stadio e il centro acquatico saranno riconvertiti e ridimensionati.
Secondo le previsioni degli organizzatori verranno venduti più di otto milioni di biglietti, facile quindi pensare a un pericoloso impatto ambientale. Ma Londra, che punta a fare di queste Olimpiadi quelle a meno immissioni di CO2, si sta attrezzando per essere eco-friendly con soluzioni che non mancano di stupire. Ad esempio, parte dell'intelaiatura del nuovo stadio olimpico è stata realizzata con metallo riciclato proveniente da 52 tonnellate di pistole, fucili e coltelli sequestrati dalla polizia nella metropolitana. Non solo: il Comune, in collaborazione con London Food Link e Big Lottery's Local Food Fund, conta di dotare la città di orti urbani per fornire non solo gli abitanti ma anche gli atleti di prodotti a «chilometri zero», il tutto incentivando economicamente i cittadini (ma anche attraverso la fornitura di materiale apposito e la partecipazione a corsi di botanica e giardinaggio) a riqualificare aree verdi abbandonate e convertire i tetti degli edifici.
E sul fronte dei trasporti, anche i celebri black cab diventeranno ecologici: grazie al progetto Zero emission London Taxi Commercialisation, forte di un investimento governativo di 23 milioni di sterline, nei primi mesi del prossimo anno debutterà una flotta di 50 tradizionali taxi inglesi con alimentazione a idrogeno. A luglio, poi, sono iniziati i lavori per la realizzazione di una cabinovia che collegherà la penisola di Greenwich e la O2 Arena con le Royal Victoria Docks e l'Exhibition Centre (ExCel).
Un altro quartiere emergente, e che si candida a diventare il più trendy spodestando Soho, è Shoreditch, nel cuore dell'East End, l'area dove si sta costruendo il villaggio olimpico, poco distante dalla City. Da ex quartiere malfamato si è rapidamente trasformato in zona «in»: ora, infatti, nelle sue vie si aprono gallerie d'arte, boutique, ristoranti d'alta cucina, bar alla moda, pub hi-tech e locali frequentati dal mondo fashion e creativo. E, per ricordare il suo passato di quartiere un po' losco, non manca qualche topless bar. Qui c'è anche la frequentatissima Aquarium, discoteca con piscina. Un buon indirizzo per dormire a Shoredict è l'Hoxton Hotel, in 81 Great Eastern (www.hoxtonhotels.com), comodo, moderno e con prezzi accessibili.
Informazioni sui prezzi e orari dei voli e degli avvenimenti in città su www.visitlondon.com, che - nonostante sia stata sciolta l'agenzia - è ancora il nome del sito ufficiale della città. Pochi mesi fa, infatti, è nato London & Partners, ente derivato dalla fusione di Visit London, Think London e Study London (le tre principali agenzie del turismo che promuovevano la città, gli investimenti interni e le opportunità di studio) per volontà del sindaco che ha voluto una struttura unica, e con un'unica strategia, anche per seguire al meglio i grandi eventi - come le prossime Olimpiadi, appunto - e offrire ai turisti un unico referente per guidarli alla scoperta della città in tutti i suoi molteplici aspetti. Per ulteriori informazioni: www.visitbritain.com.

fonte: ilgiornale.it
OkNotizie








































Iniziano, alla fiera di Parma, i preparativi per il salone del Camper previsto dal 10 al 18 settembre prossimo

L’appuntamento con i veicoli più amati dagli amanti del turismo all’aria aperta si svolgerà in nove giorni di esposizioni, convegni, eventi promozionali per il grande pubblico. Secondo quanto annunciato, la fiera potrebbe occupare 44 mila metri quadri netti di stands, il 10 per cento in più rispetto al 2010 Il salone del Camper è una fiera giovane: la prima edizione si è tenuta l’anno scorso nello stesso periodo, mentre MondoNatura, la tradizionale manifestazione del settore, attiva da diversi anni a Rimini, sempre in settembre, veniva sospesa già da luglio 2010. Il salone del Camper prevede la partecipaione di aziende turistiche e produttori di accessori per la vacanza en plein air.










mondointasca.org 

TRA CLY E ISSOGNE TORNA IL FESTIVAL DEL MEDIOEVO

(ANSA) - AOSTA, 13 AGO - ''Un festival annuale in cui l'assoluto protagonista e' il periodo medievale analizzato in ogni suo aspetto: storico, politico, religioso, culturale ed artistico''. Cosi' si presenta la seconda edizione del Festival del Medioevo, evento in programma dal 16 al 18 settembre nei castelli di Quart, Cly, Issogne e Verres.

Promossa dall'assessorato regionale alla cultura, la rassegna alla sua prima edizione ha fatto vincere alla Valle d'Aosta il premio 'Le Regioni dei Festival', nell'ambito del Festival of Festivals Awards (che attribuisce i premi per le eccellenze nel settore degli eventi culturali in Italia).

La prima edizione e' stata dedicata al tema 'Il sacro e il profano', mentre quest'anno l'argomento scelto e' 'Tra borgo e castello: il vivere quotidiano nel Medioevo'. E' previsto un ricco programma di iniziative, appuntamenti culturali e musicali, ricostruzioni storiche e visite guidate. Fulcro dell'evento resta il castello di Quart, cui si aggiungeranno appuntamenti ai castelli di Issogne, Cly, Verres e ad Aosta.

''Tra il borgo e il castello - sottolineano gli organizzatori

- il popolo medievale viveva, lavorava nei campi o nelle
botteghe, impegnato in mestieri e in arti. Spesso il magico e il meraviglioso entravano nel quotidiano impastando fantasia e realta'. Il Medioevo e' stato un crogiolo di usi e costumi, leggende e rituali. Ma c'era molto di piu' in questo periodo storico a torto spesso considerato eta' buia. Gli storici lo ripetono ormai da anni, il Medioevo e' stato un periodo lungo e ricco di scoperte, di arte, di cultura, di musica e di architettura''.

Il Festival si pone quindi l'obiettivo di ''restituire alla storia un posto di rilievo nella percezione della societa' e nell'opinione pubblica e di mettere in comunicazione la comunita' scientifica ed il pubblico degli appassionati in un evento che promette di essere nuovamente unico''.

Nasce il tour di Leonardo con Arezzo al centro

A spasso per l'Italia, sulle tracce di Leonardo. Per godere delle sue opere, ma anche per conoscere i luoghi in cui il grande genio del rinascimento italiano visse e lavoro'. Magari potendo entrare in una bottega 'virtuale' per vederlo dipingere, studiare, lavorare alle sue macchine. Con app e docufiction fatte apposta per iPhone e cellulari, quesiti leonardeschi da sciogliere per andare avanti nel percorso.

A meta' strada fra turismo culturale e parco giochi a tema, l'idea arriva da Silvano Vinceti, il presidente del Comitato che ha dato vita alla spettacolare e contestata ricerca delle ossa di Caravaggio. E che ora, nei cento anni dal furto della Gioconda al Louvre, scava a Firenze per trovare i resti di Lisa Gherardini, dai piu' ritenuta la modella di quel ritratto assurto a icona dell'arte italiana.

Il progetto e' in fase iniziale, si cercano ancora i finanziatori pubblici e privati, costo complessivo stimato 1,3 milioni di euro. Ma Vinceti, convinto di sfondare, pensa gia' in grande. Con Leonardo a fare da apripista per un nuovo business del turismo che, nelle sue intenzioni, dovrebbe estendersi via via ai tanti grandi della cultura e dell'arte italiana, da Dante a Caravaggio, da Leopardi a Manzoni con i turisti accompagnati in tour 'a tema' per le varie regioni della penisola.

Tant'e', 'Il 'Viaggio alla scoperta dei luoghi dove ha vissuto e creato Leonardo da Vinci', progetta Vinceti, dovrebbe coinvolgere non una, ma cinque regioni. Prima di tutto la Toscana, ma anche Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Lazio, seguendo la biografia del maestro. Nonche' diversi centri storici, da Vinci a Firenze, Arezzo, Milano, Pavia, Mantova, Venezia, Cesena, Cesenatico, Roma, Civitavecchia.

Localita' che secondo il progetto dovrebbero diventare tutte tappe fondamentali del nuovo viaggio di ''cultura vissuta'. Ad accogliere i viaggiatori, in ognuna di queste 'stazioni leonardesche', un film tv o una app che racconti una fase della sua vita e del suo lavoro. Con un corredo di riproduzioni, dai disegni agli schizzi, opere pittoriche, macchine, carte topografiche.

Oltre a ''sistemi interattivi che permettano al turista di fare tutte le domande e veder soddisfatta ogni curiosita''.
Si parte allora da Vinci, con il racconto di infanzia e gioventu', si segue Leonardo a Firenze, con i 'segreti della Gioconda' e 'Lo studio di Leonardo' nel Chiostro della Santissima Annunziata, poi a Milano con le macchine leonardesche e le altre meraviglie del Museo della Scienza, il Cenacolo, il Castello Sforzesco.

E via cosi': A Pavia il racconto di Leonardo fine conoscitore dell'anatomia umana, ad Arezzo Leonardo impegnato
nell'elaborazione delle prime carte topografiche, a Mantova la cronaca dell'incontro con Isabella D'Este, a Roma l'approfondimento degli studi filosofici, teologici, ermetici.

lanazione.it

Alla scoperta del turismo della ceramica attraverso i centri di produzione artistica

(Adnkronos) - Non solo distretti, ricerca e botteghe. In Italia la ceramica ha anche un suo turismo culturale che passa attraverso i centri di produzione artistica e i musei dedicati a questa secolare forma di artigianato. L'estate è l'occasione giusta per approfondire l'aspetto culturale della produzione ceramica, alla scoperta di luoghi suggestivi e carichi di storia. Come il Quartiere delle Ceramiche di Grottaglie dove, fino all'11 settembre, è possibile visitare la mostra "Racconti di ceramica", dedicata alle produzioni del Novecento. Restando in questo storico luogo di residenza e lavoro dei piccoli artigiani di ceramica dal XVIII secolo a oggi, si può completare il giro visitando "Ceramica da vino tra Settecento e Novecento", fino al 31 agosto nel Giardino di Casa Vestita. L'esposizione esplora il profondo legame tra due simboli del Made in Italy attraverso 130 manufatti: dalle anfore vinarie romane ai calici liturgici. A Torino, Paolo Polloniato reinterpreta alcuni modelli storici della settecentesca Manifattura Barettoni, già Antonibon di Nove, ancora oggi simbolo dell'eccellenza della ceramica italiana. La ricerca di Polloniato, artista che proviene proprio da una dinastia di ceramisti, indaga l'evoluzione stilistica che questa produzione ha avuto nel tempo. Presso l'Ogr, Officine Grandi Riparazioni, fino al 20 novembre. Imperdibile l'appuntamento annuale con la mostra dello storico concorso internazionale della ceramica d'arte contemporanea, il Premio Faenza, giunto quest'anno alla sua 57° edizione. Al museo internazionale delle ceramiche in Faenza, fino al 25 settembre sono esposte le opere più innovative dell'arte ceramica realizzate da autori under 40. Da Faenza a Cervia, in provincia di Ravenna, dove si può visitare fino al 4 settembre la mostra "Carlo Zauli: Terra che vive", presso i Magazzini del Sale, dedicata all’opera di uno dei ceramisti scultori più importanti del Novecento. Dedicata ai 150 anni dell'Unità d'Italia, la 51° "Mostra della ceramica di Castellamonte, 8° mostra di arti applicate” ha in programma una trentina di eventi in varie località di Torino e provincia, che ospiteranno dal 26 agosto al 25 settembre ceramiche provenienti da tutte le regioni. La rassegna prevede quattro sezioni: “Mostra della ceramica”, “Mostra di arte applicata”, “Ambasciatori della terra rossa” e “Le stufe dei re” percorso tra dimore storiche e residenze reali che partendo dal Castello di Aglie’, raggiunge Casa Ravera di Benevagienna, passando per il Castello Venaria Reale, il Castello dei Valperga a Masino, il Real Castello di Racconigi, il Castello di Moncalieri e il Palazzo Reale di Torino.

In arrivo stangata da 360 euro in più per chi va in vacanza

(TMNews) - Andare in vacanza costerà 360 euro in più, rispetto allo scorso anno, alle famiglie italiane. L'allarme arriva dal Codacons dopo gli ultimi dati dell'Istat sul tasso di inflazione annuo rimasto stabile a luglio al 2,7%.

Ma per l'associazione dei consumatori "si tratta solo di una illusione ottica, non solo perché è aumentato il carrello dei beni ad alta frequenza di acquisto (cibo, carburanti), ma anche perché aumentano i prezzi delle cose che si acquistano tipicamente a luglio, dai pacchetti turistici (+8,5% su base mensile) agli stabilimenti balneari (+11,6% su base mensile), dai campeggi (+20,6%) alle pensioni(+5,5%)".

L'effetto finale è "una stangata senza precedenti per chi va in vacanza. Una famiglia media di 4 persone pagherà 360 euro in più rispetto allo scorso anno". Raggiungere "l'agognata meta turistica - aggiunge il Codacons - costerà, mediamente, il 16% in più rispetto al 2010 (a giugno era il 15%). Su base annua, infatti, i trasporti aerei passeggeri sono rincarati del 13,4%, il trasporto marittimo del 33,1%, il trasporto ferroviario dell'8,7%, la benzina del 13,5% ed gasolio del 17,4%. Stimando che il 14% circa degli italiani va in vacanza in aereo, il 75% con auto, pullman o camper, il 7% circa in treno e il 3% in nave, "ecco che, mediamente, andare in vacanza - conclude - costa quest'anno il 16% in più".

SIENA. La Brambilla e il Palio, la guerra continua

Duro attacco del ministro del Turismo a pochi giorni dalla corsa dell’Assunta
«Il mondo non ruota intorno a Siena e alla sua criticata manifestazione. Nè tanto meno l’agenda del governo ». Così il ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla ha riacceso la sua vecchia battaglia contro il Palio di Siena. Una polemica che va avanti da oltre un anno. Fin da quanto il ministro, nell’agosto 2010, paragonò il Palio alla corrida e propose di cancellarlo.
Ora, a pochi giorni dal Palio dell'Assunta, il 16 agosto, e alla vigilia della presentazione del drappellone (che avviene oggi alle 19) la Brambilla, da sempre ostile al Palio, ha scritto una lettera aperta ai toscani in risposta «alla strumentale ossessione con la quale certi amministratori ed esponenti politici locali riempiono la stampa toscana cercando di inscenare una inesistente polemica con il ministro» che denota, secondo lei, «una disperata ricerca di visibilità per sè e per i propri palii». Un attacco duro nei confronti del Palio, escluso pochi giorni fa anche dal riconoscimento "Patrimonio d'Italia per la tradizione", «perché non vi può essere nulla di culturale e condiviso a livello nazionale nello sfruttamento di una creatura vivente e nella sua morte».
Nessun commento è venuto da parte del sindaco di Siena Franco Ceccuzzi, ma Armando Cirillo, responsabile del Turismo del Pd, parlando di “toni sempre più grotteschi” ha dichiarato anche che: «Il palio di Siena è divenuto una vera ossessione  per il ministro Brambilla alla quale continua a sfuggire la funzione sociale, culturale ed economica della manifestazione». A difendere il Palio è intervenuto anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Carlo Giovanardi:  «Queste manifestazioni - ha detto -  non solo non devono essere messe in discussione, ma rappresentano un grande patrimonio di identità che appartiene a tutti gli italiani».
D'accordo con il ministro sono invece Enpa e Lav che hanno commentato: «Dal 1970 sono morti nelle prove e nello svolgimento delle gare del palio più di 50 cavalli. Gli organizzatori del Palio di Siena non hanno mai voluto instaurare alcun dialogo e confronto costruttivo per tener conto delle ragioni di chi non vuole più veder morire cavalli a causa di questa "festa"».
vita.it

Il turismo portuale fa il salto di qualità. Da quest’anno approdano a Bari le meganavi americane della Royal Caribbean

2 ago 2011

Anche a Bari le meganavi americane della Royal Caribbean
BARI – Il turismo portuale fa il salto di qualità. Da quest’anno approdano a Bari le meganavi americane della Royal Caribbean, per un totale di 22 tappe nel capoluogo pugliese e 80mila turisti in più (700mila i passeggeri in generale del 2011).
A loro sarà offerto un pacchetto fuori dal comune: percorso in treno fino a Conversano, attraverso vetture nuove di zecca delle Ferrovie Sud Est, da 150 posti, e accoglienza alla stazione da parte di figuranti in festa. La Puglia così non sarà più solo sinonimo di Grotte di Castellana o trulli di Alberobello, ma all’estero potrà arrivare anche un’immagine diversa, e più completa. “Abbiamo previsto un impatto emozionale per i turisti della Royal Caribbean – spiega l’ assessore al Turismo di Conversano, Pasquale Sibilia – con uno spettacolo in abiti d’epoca e il visita del castello normanno, poi anche delle quattro mostre allestite all’interno”. Gli americani che arriveranno a Bari avranno anche modo di imparare l’arte dei latticini, con una lezione dei maestri caseari, come previsto dal progetto conversanese, presentato stamattina nella sede dell’Autorità portuale di Bari, dall’assessore ai Trasporti, Gugliemo Minervini, il presidente dell’Autorità, Franco Mariani, e il sindaco di Conversano, Giuseppe Lovascio.
“Il nostro territorio offre moltissime potenzialità per il mercato turistico, e stiamo vedendo come arricchire l’offerta turistica – commenta Minervini – per rendere sempre più attraente la tappa di Bari. Questa iniziativa è la dimostrazione di come ci stiamo riuscendo, perchè il nostro futuro può cambiare davvero”.
In questo modo il porto barese amplia il target di riferimento, visto che le navi della Royal Caribbean sono da molti anni le più grandi sulla piazza crocieristica, e attraggono clienti d’oltreoceano, magari anche più esigenti nei gusti.
“E’ una grande opportunità per noi – conferma Mariani – vogliamo presentare il nostro territorio nel miglior modo possibile, in tutta la sua ricchezza artistica, culturale ed enogastronomica”.
Infatti agli americani sarà offerto un rinfresco in stile casereccio, oltre a un percorso artistico museale all’interno del castello normanno, e uno spettacolo organizzato nella piazza centrale.
Ida Galise
barisera.net

Blog di Turismo Culturale segnalato ospitato su splinder.com

Segnaliamo l-altro blog di Turismo Culturale ospitato su splinder.com con tanti nuovi post

ecco il link >>>>

la redazione

Palermo via dell'Olimpo da 18 Dicembre al 30 Gennaio 2011. Nuovo fantastico spettacolo: il circo ORFEI più il circo brasiliano!

Quest'anno il noto complesso Orfei prodotto dal Moira Orfei e Walter Nones in coproduzione con la famiglia Martini ha preparato uno spettacolo da grandi intenditori. Si tratta di due spettacoli in uno ovvero ORFEI più il Circo Brasiliano.

Dopo "Fantasia Equestre" e "Mamma Mia" ecco un nuovo ambizioso progetto che prevede in pista l'esibizione di due scuole a confronto quella italiana e quella brasiliana sfidandosi a suon di numeri mozzafiato. E sentite qui. Quest'anno Orfei ha l'onore di ospitare in compagnia in esclusiva europea i più giovani trapezisti al mondo si tratta dei fling "Rodocchelles". Maicol a soli 10 anni è l'unico al modo ad eseguire il doppio salto mortale ed Angela 12 anni è una vera stella del trapezio.

Un circo classico, riadattato al moderno sfruttando tutte quelle tecnologie che lo show business di oggi offre ripercorrendo ritmi suoni e colori quello carioca che tanto piacciono al pubblico. Anche in questo show sotto il tendone giallo blù, tanti animali (dai cavalli agli elefanti, dalle tigri e leoni alle zebre, e poi lama, cammelli, watussi, ippopotamo, giraffa e ancora struzzi, serpenti e coccodrilli) ma anche giovani acrobati agli anelli, virtuose atlete, saltatori alle bascule, un ventriloco le prove di forza e tanto altro ancora, non dimenticando le risate.

Per ogni genere di informazione, curiosità, prenotazione e quant'altro, chiamaci!

Informazioni

Tel. 389/839.29.98
Tel. 329/666.22.37
email: orfeicircus@gmail.com

Ufficio Stampa

Tel. 393/80.56.996
email: circuspress@gmail.com