A Trento, dal 23 giugno fino al 18 novembre p.v., è possibile ammirare una mostra dedicata alle armi rinascimentali sul tema dei duelli e dell’amor cortese

TRENTO E I CASTELLI TRENTINI OFFRONO IL MAGICO ITINERARIO DEI CAVALIERI DEL MEDIOEVO: a Trento, dal 23 giugno fino al 18 novembre p.v., è possibile ammirare una mostra dedicata alle armi rinascimentali sul tema dei duelli e dell’amor cortese, immergendosi nella epopea di tornei e di giostre con rappresentazioni teatrali nel Castello “il Buon Consiglio”. A sud di Trento nel castello Beseno una mostra dal titolo “i Cavalieri dell’imperatore: tornei, battaglie e castelli” illustra i temi più cruenti degli scontri, degli assedi e delle tattiche militari. Il Castel Pietra invece presenta affreschi sull’amor cortese, mentre sulla sponda opposta dell’Adige il Castello Noarna vanta una cappella che ospita una pala con l’incoronazione della Vergine unita ai Santi Nicola e Francesco. Nella Valle dell’Adige si può ammirare il Castel d’Avio (FAI): il giro dei castelli del Trentino prosegue a Rovereto ed ancora nella val d’Adige (alle porte del parco Adamello Brenta) con il maniero di Stenico ricco di affreschi, di sculture e di mobilio d’epoca. Magnifici il castello di San Giovanni di Bondone sul lago d’Idro, il castel Pergine nell’alta Valsugana ed il castello Thun tra la Val di Non e la Val di Sole. Al Buon Consiglio di Trento si può ammirare l’opera di Rubens. Sono 300 i castelli, le rocche, le fortificazioni del Trentino così ricchi di storia e di leggende e costituiscono un’ offerta culturale di assoluto prestigio che fa onore all’arco alpino facendo di Trento la vera capitale Europea della montagna.
unionturismo.it

Turismo: finalmente una bella notizia per l’estate Italiana

RINATA LA VILLA ROMANA DI PIAZZA ARMERINA NELL’AMATISSIMA TERRA DI SICILIA: finalmente una bella notizia apre l’estate Italiana; dopo sei anni di lavori, il 4 luglio p.v. si inaugura il percorso museale con una migliore leggibilità dei mosaici della Villa Romana del Casale grazie ad un nuovo rivestimento in legno e rame. La Villa è una preziosa testimonianza dell’arte romana del IV° secolo d.C., nell’era di Diocleziano, e vanta circa 120milioni di tessere che formano i magnifici mosaici della Villa divise in pavimenti, fontane, colonne, dipinti murali e sculture. I turisti potranno ammirare i mosaici della “Grande Caccia” e di “Ulisse che vince Polifemo” camminando lungo le creste murarie delle Villa senza dover calpestare i mosaici. Sono attesi oltre 600mila visitatori per questo luogo davvero speciale in provincia di Enna, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Sull’approfondita analisi dei “misteri” della Villa si è espressa recentemente l’Archeologa Rosalia GIANGRECO con l’interessante volume“: La Villa Romana del Casale - Viaggio tra i misteri” .

unionturismo

Weekend da centauri in Basilicata

Un itinerario ad hoc dell'Apt della regione rivolto agli appassionati delle moto

 

Un fine settimana da centauri in Basilicata, una regione che ha da offrire strade panoramiche inconsuete, paesaggi dalla conformazione naturale unica, borghi sospesi e incastrati tra le rocce, eccellenze enogastronomiche. È una delle ultime iniziative di promozione turistica del territorio lucano che da quest'anno si rivolge direttamente anche ai tanti "moto-turisti" che amano il Belpaese.

Una proposta alternativa per la scoperta della regione, con itinerari ad hoc che si snodano per le vie interne, alla scoperta delle Dolomiti lucane e del Senisese-Val d'Agri, solo per citare alcuni degli angoli più belli. Il percorso proposto dal nuovo portale "Basilicata Turistica" dell'Apt parte da Ferrandina e tocca i centri di Craco, Tursi, Valsinni, Senise, Chiaromonte, Roccanova, Aliano, Guardia Perticara, Gorgoglione, Cirigliano, per arrivare a Pietrapertosa e Castelmezzano famosi per il "Volo dell'Angelo".

Ferrandina deve il suo nome al fondatore Federico d'Aragona (1490) che la chiamò così per rendere onore a suo padre re Ferrante o Ferrantino. Il borgo sorse sulle rovine di Uggiano, distrutto da un terremoto nel 1456, e accolse gli scampati al sisma. Oggi è rinomato soprattutto per la sua oliva, la maiatica, ottima sia da tavola sia per l'olio che se ne ricava. Di qui, percorrendo strade sinuose tra i primi calanchi, si arriva a Craco, anche conosciuto come il "paese fantasma" perché non più abitato dalla fine degli anni Sessanta per i movimenti franosi che lo hanno reso pericoloso. A guardarlo lo si riconosce se si ha buona memoria della "Passione di Cristo" di Mel Gibson, che vi ha girato alcune scene. Il borgo non ha ispirato solo Hollywood ma anche il cinema italiano d'autore: Francesco Rosi nel 1977 vi ambientò alcune scene del "Cristo si è fermato a Eboli". Il paesino, in cima a una rupe, conserva un castello del XIII secolo, la sagoma di una torre normanna e case di mattoni e pietra incastrate tra di loro. Scendendo in Val d'Agri si raggiunge Tursi, altra cartolina lucana, terra natìa del poeta Albino Pierro che ha valorizzato la poesia dialettale. Degna di visita soprattutto la cattedrale, nella piazza Maria Santissima Anglona, edificio romanico del XV secolo. La cattedrale si trova nella Rabatana, il primo nucleo abitativo di Tursi circondato per ogni lato da profondi e inaccessibili burroni. Ci si arriva salendo una ripida e suggestiva gradinata.

Le tappe successive sono Valsinni, noto per aver dato i natali alla "poetessa della solitudine" Isabella Morra, e per essere fra le Bandiere arancioni del Touring Club italiano; Senise, dove poter gustare il famoso peperone I.G.P., e poi il mistico Chiaromonte, borgo di vie strette e brevi, gioiello del Parco Nazionale del Pollino. Si procede immersi nella natura prima di una sosta rifocillatoria, con moderazione, a Roccanova, patria del Grottino, il più giovane dei vini doc di Basilicata.

Ad Aliano i calanchi offrono paesaggi lunari, mentre a Guardia Perticara si respira un'atmosfera medievale e di quiete. Anche nei loro scorci furono girate alcune scene di "Cristo si è fermato a Eboli". A Gorgoglione si arriva dopo chilometri di zig zag tra colline e montagne. Cirigliano merita una sosta anche per assaggiare il presidio slow food del Pezzente della Montagna Materana, una salsiccia gustosa ottenuta dai secondi tagli e dagli scarti del maiale. Le ultime due tappe del tour consigliato dall'Apt Basilicata sono Pietrapertosa - il paese più alto della Basilicata a 1088 metri - e Castelmezzano. Entrambi annoverati tra i "Borghi più Belli d'Italia", sono collegati da un cavo d'acciaio che dà vita allo spettacolare "Volo dell'Angelo", un'esperienza unica che regala agli intrepidi una vista normalmente riservata solo alle creature del cielo (leggi il servizio su ANSA In Viaggio).

Informazioni utili: www.basilicataturistica.com, www.aptbasilicata.it, la mappa stradale della regione da scaricare in pdf. L'itinerario è illustrato in una pubblicazione speciale, scaricabile gratuitamente via web, frutto della collaborazione tra "Mototurismo" e l'Apt della Basilicata.
ansa

Manuela Arcuri accende la 10° edizione di Caput Lucis



Manuela Arcuri accende questa sera la 10° edizione di Caput Lucis. 5 Notti con il naso all’insù al parco divertimenti Magicland di Roma.

I migliori pirotecnici del pianeta si sfideranno fino al 6 agosto nel campionato mondiale di fuochi d’artificio, manifestazione unica nel suo genere per bellezza e spettacolarità. 5 le nazioni in gara che si contendono l’ambito trofeo: la Spagna, campione in carica, l’ Italia, con la ditta Scarsella, Inghilterra, Austria e Cina. Per il premio abbinato al Mondiale Caput Lucis Italia, invece, si esibiranno aziende provenienti da Sicilia, Campania e Lazio.

Madrina della manifestazione e presidente della giuria la showgirl Manuela Arcuri, che accenderà simbolicamente il primo fuoco all’interno del parco divertimenti. La serata inaugurale aprirà con l’esclusivo spettacolo di fuochi su musica, firmato dall’azienda La Rosa, con piogge d’oro, effetti cromati, per regalare allo spettatore momenti di pura magia. Le migliori scuole pirotecniche mondiali si sfideranno ogni sera in 2 spettacoli per 45 minuti di show che regaleranno agli ospiti del Parco un’emozione davvero unica.

Cinque serate di spettacoli pirotecnici di altissimo livello e sincronizzati su musica di ogni genere, dai Queen a Beethoven, fuochi fino a 300 metri d’altezza e di grande calibro visibili anche a 20 Km di distanza, multi postazioni di lancio, partenze simultanee radiocomandate e computerizzate, incredibili coreografie di luci e colori. E ancora: 4000 mortai da cui ogni sera partono più di 8000 lanci per una potenza di luce paragonabile a 300.000 lampadine accese, 3000 Kg di polvere da sparo utilizzati in ciascun spettacolo, camion provenienti da tutto il mondo pieni di casse di fuochi.

Divertimento e meraviglia nell’ammirare a distanza ravvicinata, ma in totale sicurezza, l’avvincente sfida tra le migliori aziende pirotecniche del mondo, ognuna con il suo stile e la sua tecnica. “La magia è nel DNA del Parco” – afferma l’amministratore delegato di Rainbow MagicLand Stefano Cigarini - “e ospitare un evento del genere, di grande rilievo internazionale, significa rendere uniche e ancora più affascinanti le serate nel parco”.

Oltre ai fuochi il pubblico potrà godere di 36 attrazioni e 10 spettacoli con numerose repliche anche serali: il Musical di Gattobaleno nel Gran Teatro, il nuovo show “Gladiatori” ambientato nell’antica Roma, lo spettacolo acquatico “Oceania” sul Lago e il seguitissimo Stunt Show.

Il Parco è aperto dalle 10 alle 23 con biglietti interi a Euro €35/28 o ridotti €20 dalle ore 17 che includono tutte le attrazioni, gli spettacoli e i fuochi. Previsti 40 treni del divertimento al giorno, tra le 8:25 e le 11:30, da Roma Termini e da sud (Napoli - Cassino) con fermata alla stazione di Valmontone e da lì bus navetta gratuiti per il parco.

Per incentivane l’uso Magicland rimborsa il prezzo del treno (€6) agli acquirenti del biglietto intero. I pirotecnici verranno giudicati da una giuria di esperti, composta da funzionari del Ministero degli Interni, giornalisti, pirotecnici di fama, Istituzioni e da un fortunato ospite del Parco, decreterà l’ultima sera la nazione vincitrice.
ansa