LaRedoute

Rimini. Sole e caldo fanno impennare il turismo in Riviera: ritornano anche i tedeschi

per soggiornare a Rimini
Hotel Days Inn Viale Regina Elena N.171 C.A.P. 47900 Rimini (RN) IT Tel. 0541/386888 | Fax 0541/381423 | info@daysinnrimini.it
Nuovo Quotidiano di Rimini: Il caldo spinge verso il “pienino”, soddisfatti anche i bagnini: “Spiagge piene, ma con pochi italiani” / Primo weekend col sorriso / La Riviera sfrutta il meteo, i tedeschi tornano e scelgono la formula B&B. L’Aia: “Ci voleva...”. I commercianti: “Pub e discoteche, seconda giovinezza”
RIMINI. Un week-end con i fiocchi : albergatori, commercianti e bagnini salutano con soddisfazione il primo vero e proprio fine settimana da tutto esaurito, o quasi. “Finalmente, ci voleva questa bella boccata d'ossigeno – esulta la presidente dell’Associazione Albergatori Rimini Rinaldis -. Certamente il caldo di questi giorni ci ha dato una mano, ma il merito è anche della nostra riviera che continua a essere una meta di forte richiamo per tantissimi italiani, che rimangono l'80% della nostra clientela, ma anche per molti stranieri, russi ma anche tedeschi”. Proprio il ritorno dei cittadini teutonici in riviera, che si fermano in genere almeno 4-5 giorni, a differenza degli italiani che fanno spesso solo il fine settimana, è una delle poche note liete di quest'estate: “Vengono da noi tante famiglie ma anche giovani, che scelgono in massa la formula pernottamento più prima colazione. Formula, questa, destinata a trovare sempre maggiore diffusione a Rimini negli anni a venire”. Di boom a luglio di giovani tedeschi e più in generale del Centro Europa, con i russi che la fanno comunque sempre da padrone, parla anche Indino, presidente della Confcommercio provinciale: “Il binomio Rimini-città del divertimento sta per fortuna vivendo una seconda giovinezza. Pub e discoteche quindi non si possono tutto sommato lamentare. Discorso diverso invece per le attività del commercio, alle prese con una clientela, anche straniera, dalla capacità di spesa finora assai limitata”. (...)