LaRedoute

Rapporto nazionale sul turismo in libertà in camper e in caravan: tutti i dati sull’industria del caravanning e sul turismo all’aria aperta

APC-Associazione Produttori Caravan e Camper ha presentato oggi a Roma il Rapporto nazionale sul turismo in libertà in camper e in caravan, giunto alla sua terza edizione. Oltre ai risultati dell’Osservatorio sul turismo in camper e all’aria aperta nelle Regioni italiane, la novità di quest'anno è la proposta di un modello nazionale di classificazione delle aree di sosta, a cui APC ha lavorato assiduamente negli ultimi mesi.

Roma, 19 giugno 2014 - Alla presenza di Jan de Haas, Presidente di APC, Valeria Minghetti, Ricercatrice Senior del CISET-Centro Internazionale di Studi sull’Economia Turistica dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, Pasquale Zaffina, Studio Tecnico Associato Zaffina, e Antonio Cellie, Amministratore Delegato di Fiere di Parma, si è svolta questa mattina la presentazione del Rapporto nazionale sul turismo in libertà in camper e in caravan 2014. Giunto alla sua terza edizione, il documento è diventato lo strumento informativo per tutti gli operatori della filiera del turismo itinerante, della ricettività all’aria aperta e del camperismo in Italia. Nel corso dell'evento è stato presentato anche Il Salone del Camper 2014, fiera di riferimento in Italia e seconda a livello europeo del camperismo e del turismo en plein air, in programma a Parma dal 13 al 21 settembre 2014.

In Italia, a causa del perdurare della crisi economica, il mercato del caravanning ha registrato nel 2013 un decremento delle immatricolazioni delle autocaravan pari al 19%, rispetto all’anno precedente. Tale calo, sebbene più contenuto rispetto a quello registrato nel 2012, ha spinto comunque le aziende a investire ulteriormente nell’export. Le esportazioni nel comparto sono passate dal 62,3% della produzione nazionale nel 2011 al 77% della produzione nazionale nel 2013, a testimoniare l’indiscussa qualità e l'apprezzamento dei prodotti Made in Italy all'estero, caratterizzati da un design innovativo e da avanzate tecnologie.
In controtendenza si registra un dato particolarmente significativo: il crescente trend dell’usato che dimostra come la passione nei confronti del turismo itinerante continui a diffondersi. I trasferimenti netti di proprietà di autocaravan, pari a 29.142 veicoli nel 2013, hanno registrato il 54% in più rispetto al 2012.

In Europa il comparto industriale dei veicoli ricreazionali riesce in parte ad arginare l’influenza della congiuntura recessiva, con flessioni ridotte dei volumi di vendita. Il segmento delle autocaravan, infatti, si attesta sulle 71.316 immatricolazioni, contro le 73.263 del 2012 (-2,6%), mentre quello delle caravan sulle 67.628 immatricolazioni, contro le 73.174 dell’anno precedente (-7,5%).  Anche nel 2013, come nel 2012, i turisti europei preferiscono le autocaravan alle caravan, a testimonianza che il viaggio itinerante viene scelto come vero e proprio stile di vita e con l’intento di realizzare tour in più località per scoprirne le peculiarità.

Il parco circolante in Italia
Secondo i dati ACI, a fine 2013 nel nostro Paese circolano 209.012 autocaravan e 60.046 caravan. Il 61,5% delle autocaravan circolanti, vale a dire 128.542 mezzi, risulta immatricolato da più di 10 anni, mentre il 28,6%, ovvero 59.777 mezzi, presenta più di 20 anni di anzianità.
Il parco circolante Euro 0 e Euro 1 in Italia, comprendente veicoli immatricolati fino al 1999, è pari a ben 78.368 unità. A oggi, pertanto, sorge nel nostro Paese la necessità di interpretare questi dati anche in funzione delle alte emissioni inquinanti prodotte dai relativi veicoli, che non permettono di garantire un adeguato livello di efficienza nei consumi e la presenza delle più avanzate dotazioni di sicurezza.

Le iniziative istituzionali a rilancio del comparto
La proposta per una manovra di incentivazione alla rottamazione dei veicoli ricreazionali appartenenti alle classi Euro 0 e Euro 1, è una delle proposte che l’Associazione sta portando avanti con l’appoggio di un movimento di Parlamentari, come i Senatori Daniela Valentini (PD) e Gianluca Castaldi (M5S). Con l’aiuto del Governo, è necessario mettere in atto politiche fiscali e infrastrutturali per il futuro del comparto produttivo e delle oltre 7.300 risorse impiegate a livello diretto e indiretto nella filiera del plein air. La presente manovra sarebbe, inoltre, funzionale a un’ammortizzazione degli oneri sociali statali, dal momento che la crisi ha portato in cassa integrazione un terzo del personale dipendente dell’industria del caravanning, passato dai 1.700 ai 1.300 addetti. Un rilancio del settore potrebbe rappresentare il canale ideale anche per stimolare la ripresa delle economie locali, come avvenuto in Francia e in Germania.

Tali Parlamentari si sono resi anche portavoce di un’ulteriore proposta di APC per la promozione del camperismo come modalità di viaggio sostenibile e tramite l’applicazione di un'IVA agevolata a sostegno dei nuclei familiari con persone disabili. Queste famiglie rappresentano, infatti, il 9% degli utilizzatori di autocaravan, dato che testimonia come questi veicoli risultino particolarmente funzionali alle esigenze di persone con disabilità motorie e ragion per cui nei principali Paesi europei viene già da tempo riconosciuta unʼIVA agevolata sull'acquisto del mezzo.

Flussi e tipologie del turismo all’aria aperta
Nel 2013 sono complessivamente 5,7 milioni i turisti che viaggiano in autocaravan, caravan e tenda, di cui 2,6 milioni esteri e più di 3 milioni italiani, scegliendo come meta il nostro Paese particolarmente ricco di bellezze culturali, paesaggistiche ed enogastronomiche, tra borghi e piccoli paesi, generando una spesa complessiva pari a 2,6 miliardi di euro (1,1 miliardi prodotti dai turisti esteri e 1,5 miliardi dagli italiani). Veneto, Lombardia, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige sono le principali Regioni scelte come meta dai turisti esteri, mentre Croazia, Francia, Austria, Germania e Spagna le destinazioni più amate dai turisti italiani all'estero.

Il sistema turistico-ricettivo italiano
Le aree di sosta, situate al di fuori dei campeggi, sono nel 2013 oltre 2.000: il 69% di queste sono aree attrezzate, il 17,6% camper service e il 13,4% punti di sosta non attrezzati. Le aree attrezzate gestite dai Comuni registrano nel 2013, a differenza di quanto avvenuto l’anno precedente, un sensibile aumento, costituendo così, con il 51%, la maggioranza. Le aree a gestione privata rilevano una lieve riduzione, attestandosi al 49%. Il Nord Italia ospita il numero maggiore di aree (44,9%) rispetto alle aree complessive sul territorio nazionale, con una preponderanza del Nord Est (24,1%) rispetto al Nord Ovest (20,8%). Seguono il Sud e il Centro, con rispettivamente il 28,6% e il 26,5% delle complessive aree nazionali. Il Bando "I Comuni del Turismo all'Aria aperta" - promosso da APC dal 2001 per potenziare l'offerta di aree di sosta multifunzionali, con un contributo annuale complessivo pari a 80mila euro - continua a essere un successo tra le amministrazioni locali, che hanno presentato quest’anno 126 progetti di aree di sosta. Secondo l’Osservatorio sul turismo in camper e all’aria aperta nelle Regioni italiane, le Regioni con le performance migliori, in termini di turisticità, ricettività e sensibilità nei confronti dell’ospitalità all’aria aperta, sono Marche, Piemonte, Puglia, Toscana, Abruzzo e Valle d’Aosta.

Un modello italiano di classificazione delle aree di sosta camper
L’Associazione ha voluto arricchire questa terza edizione del Rapporto presentando un nuovo progetto, in collaborazione con lo Studio Tecnico Associato Zaffina e l’Università degli Studi di Firenze: l’elaborazione di un modello italiano di classificazione delle aree di sosta camper. Partendo dalla definizione delle linee guida per la progettazione di un’area di sosta, è stato creato un software con cui valutare le strutture in base a 5 criteri generali. La scheda di valutazione permette l’elaborazione di un risultato finale che suddivide le aree di sosta camper in 4 classi di merito: dai risultati emersi il 35% delle aree si posiziona nella terza classe, un ulteriore 35% nella seconda classe, mentre la prima classe di giudizio viene assegnata a 4 aree su 20. Questa fase di test del progetto ha permesso di delineare, quindi, una serie di best practices per migliorare il servizio ricettivo offerto.

Il Salone del Camper 2014
È stata presentata in mattinata anche la V edizione de Il Salone del Camper, in programma dal 13 al 21 settembre a Parma. La collaborazione tra Fiere di Parma e APC-Associazione Produttori Caravan e Camper è stata confermata per altri cinque anni: Parma sarà capitale del turismo all’aria aperta fino al 2019 e accoglierà, oltre a centinaia di veicoli ricreazionali, migliaia di accessori dei più importanti produttori nazionali e internazionali.
Sono già numerose le adesioni arrivate da parte delle aziende associate che, a più di tre mesi dall’inaugurazione della fiera di riferimento nazionale e seconda in Europa del comparto del caravanning e del turismo in libertà, hanno già confermato il proprio spazio e ufficializzato la partecipazione nei padiglioni del quartiere fieristico. Ad oggi, Fiere di Parma e APC hanno raccolto un numero di adesioni presso gli espositori pari a un +10% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Tante le iniziative messe in campo per replicare il successo della passata edizione che, oltre ad aver registrato la presenza di oltre 127mila visitatori, è stata il punto d’incontro ideale fra domanda e offerta del turismo in libertà, grazie all'incremento delle vendite (+15% rispetto all’anno precedente) e delle intenzioni di acquisto e alla grande soddisfazione delle oltre 300 aziende espositrici presenti in fiera.

“Sono particolarmente lieto di presentare oggi” - ha dichiarato Jan de Haas, Presidente APC - “il Rapporto 2014, una fotografia dell’industria del caravanning e del turismo all’aria aperta. Non possiamo negare che il comparto produttivo abbia dovuto affrontare le difficoltà tipiche di una permanente congiuntura recessiva, ma gli ottimi segnali di interesse e di partecipazione, registrati da parte della community degli oltre 800mila camperisti italiani e dei 5,7 milioni di turisti en plein air italiani ed esteri nel nostro Paese, rappresentano il migliore stimolo per continuare a investire nella promozione di questa speciale esperienza di viaggio”.

“Ma qual è la fotografia dell’Italia del turismo en plein air? Quali sono le regioni più virtuose nello sviluppo di questo tipo di turismo? Marche, Piemonte, Puglia, Toscana, Abruzzo e Valle d’Aosta: queste sono le aree top per il camperista e il turista in caravan.” - ha spiegato Valeria Minghetti, Ricercatore Senior CISET-Centro Internazionale di Studi sull'Economia Turistica dell'Università Ca' Foscari di Venezia - “Secondo i risultati dell’Osservatorio APC-CISET, le Marche si confermano anche nel 2012 la regione con migliori performance, sia per l’elevata propensione ad investire su questa modalità turistica, sia per la qualità dell’offerta attrezzata e la capacità di attrazione della domanda”.

La catalogazione tipologica delle aree ricettive, applicata al cosiddetto ‘turismo del movimento’," - ha dichiarato Pasquale Zaffina, Contitolare dello Studio Tecnico Associato Zaffina - “rappresenta un innovativo e straordinario strumento operativo, capace di diffondere indirizzi virtuosi ad Amministratori e Tecnici, orientandoli verso una progettazione consapevole e di qualità. Oggi, districarsi efficacemente nelle complesse procedure burocratiche è la condizione essenziale per operare scelte meditate”.

“Grazie al rinnovo della joint venture fino al 2019" - ha concluso Antonio Cellie, Amministratore Delegato di Fiere di Parma - "si evolve la collaborazione fieristica tra Fiere di Parma e APC verso un modello fieristico che contribuisca al rilancio del settore sul piano nazionale e internazionale. Dopo avere raggiunto la seconda posizione in Europa in soli 2 anni e averla confermata nel 2013, nonostante la crisi, il Salone del Camper dal 2014 punta a migliorare ulteriormente l’offerta di veicoli ricreazionali e sviluppare le sezioni dedicate a 'Destinazioni - Accessori - Componentistica' per portare in fiera tutti gli attori della filiera del turismo Plein Air. Infatti l’Italia ha un ruolo decisivo nel settore sul piano dell’offerta - dai veicoli alle destinazioni - e quindi deve diventare un Evento che consenta, ogni anno, alle famiglie e agli operatori, anche provenienti dall’estero, di vivere esperienze e opportunità indimenticabili”.


Ufficio Stampa APC c/o extra comunicazione e marketing
tel. 06.98966361 - ufficiostampa@extracomunicazione.it

Serena Ferretti - 346.4182567 - Daniela Pierpaoli - 346.6096602 

segnalazione web a cura di Giuseppe Serrone - turismoculturale@simail.it

Verbania, cinquanta capolavori raccontano il paesaggio

VERBANIA - La Stampa
Per soggiornare a Verbania 
(prenota ora con Booking.com clicca qui o sul banner)



Cinquanta capolavori del Museo del Paesaggio nelle sale di Villa Giulia. E’ la mostra «Genius Loci», principale evento turistico-culturale dell’estate verbanese. La rassegna espositiva vuole offrire la possibilità di ammirare l’importante patrimonio artistico cittadino in attesa della conclusione dei lavori di messa in sicurezza della sede centrale di Palazzo Viani Dugnani e della sua riapertura. C’è però la volontà di dare il via ad una opportunità ricorrente che vada oltre ciò che è imposto dall’attuale stato di necessità: «In effetti - precisa il presidente del Museo, Massimo Terzi - guardiamo a questo esperimento anche con attenzione rivolta al futuro. Se avrà successo riproporre esposizioni analoghe nei prossimi anni, in ottica di allargamento dell’attività al territorio e di marcato richiamo agli ospiti della città».
Le opere esposte comprendono sculture di Giulio Branca, Arturo Martini e Paolo Troubetzkoy e dipinti di Luigi Litta, Daniele Ranzoni, Arnaldo Ferraguti, Achille Tominetti, Sophie Brown, Pierre Troubetzkoy, Eugenio Gignous, Federico Ashton, Mario Tozzi, Siro Penagini. Adriana Bisi Fabbri. I soggetti sono diversi ma la scelta operata dalla curatrice del Museo Federica Rabai con la collaborazione di Giovanni Pizzigoni ha come filo conduttore i luoghi del territorio fissati sulle tele dai grandi artisti. «Non a caso - osserva il vicepresidente Antonio Montani - il titolo della mostra vuole esprimere la magia che lo spirito del lago e dei luoghi circostanti ha infuso agli artisti con la sua bellezza». Ulteriore elemento di interesse è l’esposizione dei due capolavori di Jules Cesar Van Loo della Galleria Sabauda di Torino e di un quadro di Lorenzo Peretti Junior della Collezione Poscio di Domodossola.  

La mostra (ingresso 5 euro e 3 euro ridotto, con agevolazioni per gruppi, visite guidate, gratuità tra cui quella del giorno del compleanno) sarà aperta fino al 7 settembre tutti i giorni con orario di visita dalle 10,30 alle 22. Questo ampio e prolungato periodo di apertura (1556 turni da coprire) ha imposto al Museo la ricerca di volontari da adibire a vari compiti: finora hanno aderito all’appello una cinquantina di persone e varie realtà come Formont, Università della Terza Età, Dante Alighieri, ma la richiesta è ancora aperta. L’opera «Eva» di Sophie Brown scelta come immagine-simbolo ha un significato evocativo del ruolo della donna nel cammino innovativo dell’umanità: «Una sorta di omaggio e di fortunata coincidenza – commenta il presidente Terzi -, nei giorni in cui diventano sindaco e assessore alla cultura due donne». 
della città».  

Pellegrini a Cassano tra arte e cultura

CASSANO ALLO JONIO (COSENZA) - Il 21 giugno 2014 sarà un giorno indimenticabile per tutta la comunità di Cassano allo Jonio e per i fedeli dell'intera Diocesi, che potranno assistere alla visita pastorale di Papa Francesco. La data del 21 giugno resterà sicuramente indelebile nella mente e nel cuore non solo dei credenti che accoglieranno il Papa a braccia aperte, ma sarà anche una giornata particolare per coloro che, pur vivendo lontano dalla Chiesa, seguono quotidianamente e con attenzione Papa Bergoglio, per la sua continua attenzione verso gli ultimi, i diseredati e gli esclusi.
Una visita, quella del Santo Padre, che certamente richiamerà nella città di Cassano decine di migliaia di fedeli provenienti non solo dalla Calabria, ma anche dalle regioni limitrofe come Basilicata, Puglia e Campania. Fedeli che saranno accolti come graditi ospiti e con grande affetto, amore e con quell'afflato umano che è proprio delle genti meridionali. Pellegrini che, se vorranno, oltre a partecipare alla visita del Papa, potranno vedere le tante bellezze storiche, archeologiche, culturali e turistiche di cui Cassano è ricca. Potranno immergersi nei fasti della Magna Grecia visitando sia gli Scavi di Sibari che il Museo nazionale della Sibaritide. Nel Parco archeologico di Sibari, dove si trovano reperti risalenti a più di 2.500 anni fa, le campagne di scavi hanno portato alla luce resti riferibili alle tre città sorte in quei luoghi. E' possibile ammirare reperti di Sybaris, Thurii e Copia. Visitando le cinque sale espositive del Museo nazionale archeologico della sibaritide, organizzate per aree tematiche, il visitatore, attraverso un percorso storico-archeologico, è condotto dall'età protostorica all'epoca romana passando dalla fase della colonizzazione e l'età arcaica della colonia di Sybaris all'età classica ed ellenistica della colonia di Thurii.
I pellegrini e turisti, se lo vorranno, potranno immergersi nelle acque limpide e cristalline dello Jonio fermandosi lungo i sette chilometri di costa e di spiagge dorate di Cassano, cosi come potranno visitare la Foce del Crati. Chi vorrà potrà anche ammirare il borgo antico di Cassano, che, con i suoi comignoli, vicoli e viuzze, splendide fontane, antiche chiese e palazzi nobiliari, è uno dei più bei centri storici della Calabria e non solo. Potrà sostare su piazza sant'Eusebio, che rappresenta il centro nevralgico della religiosità diocesana. Su questa piazza, dominata dalla suggestiva "fontana dei tre Leoni", si affaccia, infatti, la Cattedrale dedicata alla natività di Maria Vergine.
Sarà possibile visitare anche la Biblioteca Diocesana che custodisce codici, platee, incunaboli e oltre 15 mila volumi, per un periodo compreso tra l'XI e il XIX sec.
I visitatori di Cassano potranno trovare ristoro presso le locali Terme Sibarite.
Tra le tante "ricchezze" di Cassano ci sono anche il Santuario di Santa Maria della Catena (XI sec.) e le Grotte di Sant'Angelo, uno dei sistemi carsici più rilevanti del Mezzogiorno. Quelle di Sant'Angelo Inferiore e di Sant'Angelo superiore sono le uniche grotte turistiche della Regione Calabria e hanno un valore storico-archeologico perchè attestano la presenza dell'uomo dal Neolitico Medio.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA