A Gaeta con la tiella, le alici e le olive

Il 18 e 19 giugno torna per il tredicesimo anno, in Piazza della Libertà a Gaeta, l'appuntamento organizzato dall'Associazione Gaetavola, con la "Tiella, le Alici e l’Oliva di Gaeta", le principali e più conosciute specialità della tradizione gastronomica tipica gaetana. La tiella, in passato considerata pietanza povera ma pasto completo di contadini e pescatori, aveva la peculiarità che poteva conservarsi per giorni senza perdere la sua genuinità.
 
Si narra che Ferdinando IV di Borbone ne fosse un grande estimatore, anzi secondo alcuni ne fu proprio l'inventore. Sembra, infatti, che il sovrano nei suoi soggiorni a Gaeta preferisse confondersi con gli abitanti del borgo marinaro e contadino posto fuori le mura e fu in questi luoghi che stupito dall'abilità con la quale le massaie preparavano la pizza, elaborò il doppio strato di pasta con il ripieno di pesce o verdura, la tiella appunto, da lui considerata "primo, secondo e terzo". Ed anche l'aristocrazia cominciò ad apprezzarla, in particolare quella con i calamaretti, pregiatissima; mentre sarde, alici, scarola e baccalà erano le più diffuse tra il popolo del borgo marinaro e contadino che ancora oggi ne custodisce il segreto.
  
La Tiella, le Alici e l’Oliva di Gaeta - Storia, tradizione e degustazione, organizzata dall’Associazione di Promozione Sociale Gaetavola, offre prodotti tipici, cultura, musica e spunti di riscoperta e valorizzazione di antichi sapori e tradizioni, attraverso le preparazioni dal vivo e le degustazioni guidate. Nata come una comune sagra dedicata ad un solo prodotto, questa manifestazione è cresciuta, sia nei contenuti che nelle presenze. Una vera e propria fiera dell’eccellenza gastronomica di Gaeta e del territorio laziale, un evento che mira ad affermare l’importanza socio-culturale dei prodotti tipici.
 
Gaetavola nasce nel 2002 con l’intento di rivalutare le buone tradizioni gastronomiche del territorio comprendente Gaeta ed i comuni circostanti. La bontà di un pesce appena pescato, la fragranza di un dolce tipico, la freschezza di un’insalata di pomodori o di un frutto appena raccolto, costituiscono un piacere di non facile descrizione. La possibilità che si possa gustare qualcosa del genere nella preparazione del pasto di ogni giorno rappresenta uno dei motivi per cui si è costituita l'associazione.

 
La tiella è una originale pizza ripiena di pesce o verdure. E’ composta da due sottili strati circolari di pasta, posti uno sull’altro, chiusi lungo i bordi per compressione. Il ripieno è di solito costituito da prodotti di terra o di mare, o da entrambi, secondo la fantasia della massaia. Va cotta al forno in teglie preferibilmente di rame. Non è semplice a farsi, perché una buona tiella deve risultare umida nel ripieno, e morbida e non inzuppata nella pasta esterna, che deve essere sottile. Inoltre deve essere ben cotta anche nella sfoglia inferiore.
 
Le più diffuse: di polpi, di sarde o alici, di scarola e baccalà, di scarola-acciughe ed olive di Gaeta, di formaggio di capra (formaggette) ed uova, di cipolla (la migliore per gli intenditori), di spinaci. La Tiella è attualmente inserita nell'elenco dei prodotti tradizionali della Regione Lazio, inoltre il Comune di Gaeta le ha attribuito il marchio DE.C.O. (Denominazione Comunale di Origine) durante la manifestazione annuale 2005 che si tiene a Maggio di ogni anno.
turismo.it

1 commento:

Blogger ha detto...

SwagBucks is the biggest get-paid-to website.