LaRedoute

Portovenere, un'estate a tutto sport

 (ANSA)
Con la bella stagione, a Portovenere è tempo di sport, da praticare in prima persona, o anche da guardare solo per divertirsi. Ogni anno il borgo ligure, con le sue chiese e le sue casette colorate, accoglie turisti sportivi che non vedono l'ora di partecipare a gare ed eventi in programma. In tanti arrivano per godere della vista del mare, dei pini marittimi e dei gabbiani in volo da un'altezza mozzafiato: sono i climbers che ogni anno da tutta Europa si armano di corde e casco per scalare le falesie del Muzzerone, in un'arrampicata nella natura incontaminata.
Abbandonando le altezze a strapiombo sulle onde e il brivido dell'adrenalina, il 23 luglio e il 20 agosto Portovenere si trasforma in una piscina naturale, nel tratto di mare che collega la cittadina all'isola di Palmaria: un evento che fa tornare tutti bambini, con il Golfo dei Poeti chiuso alla navigazione e aperto completamente ai soli bagnanti (ogni anno sono in migliaia, tra materassini e canotti). E' invece il Palio del Golfo quanto di più adatto per godersi uno spettacolo che unisce lo sport alla tradizione degli antichi mestieri locali: il 7 agosto 13 imbarcazioni delle 13 borgate marinare (Portovenere, Le Grazie, Fezzano, Cadimare, Marola, Circolo ricreativo dipendenti difesa, Canaletto, Fossamastra, Muggiano, San Terenzo, Venere Azzurra, Lerici e Tellaro) si scontreranno in una gara senza esclusioni di "remi".

    Protagonisti infatti, accanto ai provetti rematori degli equipaggi, anche le splendide barche in legno realizzate in modo artigianale dai maestri d'ascia locali. Prima della gara, si potrà assistere ai momenti più ufficiali, il lancio dei paracadutisti acrobatici della Marina Militare e la celebrazione del silenzio per i caduti in mare, con la deposizione di una corona di fiori e le sirene delle navi del golfo suonate all'unisono. Nelle due giornate che precedono la competizione, il 5 e 6 agosto, si svolgeranno poi la Sfilata del Palio, con gli equipaggi delle borgate che sfilano per Porto Venere accanto a carri allegorici, e la Pesa delle Barche, durante la quale le imbarcazioni vengono pesate e zavorrate con sacchi di sabbia piombati e marchiati.

Il 28 agosto invece si potrà tentare di imitare le gesta di Lord Byron, che per raggiungere l'amico Percy Shelley decise di attraversare a nuoto il Golfo dei Poeti, da Portovenere a San Terenzo: anche quest'anno infatti torna la Coppa Byron, giunta alla 35esima edizione, una delle più suggestive manifestazioni natatorie italiane, durante la quale esperti nuotatori da ogni parte del mondo si cimentano nella leggendaria impresa del poeta romantico inglese. In omaggio a Venerio, Santo patrono del Golfo dei Poeti, si svolge infine il Trofeo Mariperman, imperdibile appuntamento velistico in programma dal 23 al 25 settembre da Lerici a Porto Venere: secondo la leggenda infatti fu proprio San Venerio a ideare e costruire la vela latina usata per salvaguardare la sicurezza dei marinai e dei pescatori; una credenza che è testimoniata anche da un frammento di pietra tombale del XII secolo rinvenuto sull'isola del Tino, sul quale è raffigurata proprio una vela.
ansa

Nessun commento: