1,5 mln in più di italiani in vacanza in estate



travelnonstop.com

Un italiano su due sta pensando a cosa mettere in valigia per il lungo ponte di aprile e ben 9 su 10 pensano di andare in vacanza nell’estate 2019. È quanto emerge dall’indagine condotta da Italiani.Coop per Robintur sulle intenzioni di viaggio degli italiani nel corso di quest’anno.
Secondo lo studio, gli intervistati che hanno intenzione di regalarsi un vacanza questa estate sono l’89%, l’1% in più di chi aveva la stessa idea un anno fa e ben il 4% di chi realmente si è concesso una pausa estiva nel 2018.
“Se le previsioni saranno confermate dalle partenze reali, questa estate avremo un milione e mezzo in più di italiani in vacanza”, spiega Albino Russo, direttore generale di Ancc-Coop. Il 51% degli italiani, inoltre, pensa di partire anche tra Pasqua e il Primo Maggio, ma soltanto il 7% farà il ponte lungo.
Per 4 vacanzieri su 10, il ponte sarà in Italia e “low budget”, solo pochi fortunati viaggeranno all’estero con tutti i comfort (8%). Il 42% si recherà in città e luoghi d’arte, il 28% al mare, il 19% in montagna mentre il 9% ha scelto un viaggio itinerante (tour o crociera).
Tra coloro che dovranno rinunciare alle partenze estive, invece, ben il 57% lo farà “perché non se lo può permettere”, il 23% per “problemi di lavoro e studio”, il 15% per cause “personali e familiari”, il 12% “perché non ha voglia” e il 10% per motivi di salute.
Anche quest’anno per le ferie estive gli italiani preferiscono di gran lunga il mare (55%). Come trend crescono le spiagge e la voglia di natura e montagna, mentre calano le città, i tour, le crociere. Sei su dieci hanno già prenotato. Si sceglie l’Italia in oltre 6 casi su 10 (63%), con soggiorni più brevi e spesa in lieve crescita.
“Del resto per il viaggio estivo l’80% degli italiani è disposto a risparmiare su pranzi e cene fuori, ma anche sul carrello della spesa (40%)”, sottolinea Russo. Nell’epoca di internet si conferma la ‘vacanza fai da te’ (il 73%) ma cresce la fiducia verso le agenzie di viaggi: il 36% le sceglie per la fiducia, il 41% per il miglior rapporto qualità-prezzo.
Tra le mete estere più in voga ci sono le Maldive, Stati Uniti, Egitto e Australia, ma le destinazioni più gettonate rimangono Spagna, Grecia e Croazia. Per l’Italia i must-go sono Sicilia, Puglia e Emilia-Romagna, mentre crescono Abruzzo, Trentino Alto-Adige, Valle d’Aosta e Calabria. Appassionati di cibo e ambientalisti anche in vacanza, gli italiani viaggiano sempre più spesso con il loro amico a quattro zampe: quattro su dieci (44%) porteranno l’animale domestico con sé (erano il 32% nel 2018) e il 64% è disposto anche a pagare fino al 30% in più per i servizi pet-friendly.
Le intenzioni sulle vacanze che emergono nella ricerca sono confermate ‘sul campo’ nelle 300 adv del Gruppo, presente in tutta Italia con le insegne Robintur e Viaggi Coop. Il portafoglio turismo di Robintur per le partenze della prossima estate (da giugno a settembre) è in crescita di quasi un quarto (+23%) sullo stesso periodo dello scorso anno, e il numero di passeggeri segna un incremento del 21%. Della rinnovata voglia di viaggiare beneficia soprattutto l’Italia, che è la destinazione che cresce di più. Continua così il trend positivo del 2018, chiuso da Robintur Travel Group con un volume d’affari diretto di 265 milioni di euro, in crescita di 15 milioni sul 2017 e compreso il ramo business travel della controllata BTExpert, e di oltre 500 milioni di volume d’affari indiretto con la rete integrata. L’anno scorso, Robintur Travel Group ha generato una redditività di oltre un milione di euro, superiore agli obiettivi.

Cosa vedere ad Argirocastro (Gjirokastër), Albania

Castello Di Argirocastro Attrazioni Turistiche In Albania

Gjirokastër (Argirocastro) è una delle città più importanti del Sud dell’Albania, dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO

Arroccata nel lato orientale della Montagna Larga (Mali i Gjërë), la città di Gjirokastër venne fondata come un castello nel quarto secolo; castello il quale rappresenta adesso il più grande dell’intera Albania. Dentro la fortezza si può trovare il Museo delle Armi, dove vengono esposte armi di periodi diversi fino ad arrivare alla Seconda Guerra Mondiale.

L’origine della città prende il via proprio con il castello di Argirocastro, costruito nel IV secolo D.C.

La città prese il nome di Argyrokastro nel 1336. Nel 1417 venne conquistata dall’armata ottomana. Raggiunse poi il proprio culmine nel periodo 1800-1830, quando vennero costruite le caratteristiche case ottomane.

La peculiarità principale di Argirocastro, infatti, è l’uso intensivo di pietra nella costruzione delle case, le quali assomigliano a piccole fortezze, con le strade di ciottoli che portano tutte a Bazaar. Qui si può anche visitare la Moschea di Bazaar, costruita nel 1557. Date tutte queste caratteristiche, Argirocastro è anche conosciuta come la “Città di Pietra”.
Luoghi da visitare a Gjirokastër
Il museo delle armi
Il museo etnografico
Il castello della città
I resti del sito archeologico di Adrianapoli
Il sito archeologico di Antigonea
La moschea Pajaz Khan
La chiesa della croce di Labove

Il monumento più importante della città è il castello, che è il più grande in Albania. Dentro al castello, si può visitare il Museo delle Armi, aperto nel 1971. Vengono esposte armi dall’età preistorica alla Seconda Guerra Mondiale. Inoltre, il Festival Nazionale della Musica Folcloristica è stato ambientato proprio nel castello durante gli anni.

Durante la permanenza a Gjirokastër, potete visitare il Museo Etnografico, che si trova nella casa dov’è nato l’ex dittatore comunista Enver Hoxha. Questa casa (oggi un museo) si trova nel quartiere Palorto.

Si può anche visitare la casa della famiglia Zekati in Palorto, in una posizione dominante, la quale ha subito molti restauri nel corso degli anni. È uno degli edifici più caratteristici e magnifici di Gjirokastër. Costruito nel 1811-1812, è uno splendido edificio di tre piani e ha anche due torri gemelle.

La caratteristica speciale della casa è il soffitto in legno intagliato e la tradizionale stanza per gli ospiti. Dal balcone di legno al terzo piano è possibile godere di una vista impressionante della città.

Altri edifici tradizionali da visitare sono Casa Angonati, la casa appena restaurata di Babaramo, casa Skendulaj, casa Eqrem Çabej sotto restauro, casa Kikino e molte altre, ma anche la statua della piazza principale dedicata al patriota Cerciz Topulli e molti altri importanti monumenti religiosi della setta dei Bektashi e della religione ortodossa.

Uno dei posti famosi da visitare al “Sokaku i të Marrëve” (Via dei Pazzi) è la casa ricostruita del famoso scrittore albanese Ismail Kadare.

La città di Gjirokastër è anche conosciuta per la sua arte culinaria. Si possono menzionare piatti tipi come “pasha qofte”, “shapkat”, “oshaf” con fichi secchi (un dolce con latte di pecora, zucchero e fichi secchi), ecc.

Matera. A scuola di turismo esperenziale

Un percorso formativo per trasformare una passione in un lavoro grazie alle nuove opportunità offerte dal turismo esperienziale: è questa l’idea alla base della Matera 2019 Experience Academy, realizzata da Airbnb e Fondazione Matera-Basilicata 2019 in collaborazione con Destination Makers, Cna Giovani Imprenditori Matera e la Camera di commercio della Basilicata. L’iniziativa si svolgerà dal 30 maggio al 2 giugno nella città lucana Capitale europea della cultura, e le candidature per la partecipazione saranno aperte fino al 21 aprile.
Matera 2019 Experience Academy rappresenta il primo esempio di percorso formativo che insegnerà a 25 aspiranti imprenditori e imprenditrici del turismo esperienziale a sfruttare il proprio talento e le competenze per valorizzare nuove forme di turismo sostenibile legate al territorio, anche attraverso le Esperienze Airbnb, la formula di ospitalità in cui l’host non offre un alloggio, ma condivide il proprio tempo, passione o talento con i viaggiatori. Questa attività si inserisce nella più ampia collaborazione tra Airbnb e Fondazione Matera Basilicata 2019, con l’obiettivo di coinvolgere viaggiatori e locali in progetti di turismo sostenibile e di cittadinanza temporanea nell’anno di Matera Capitale della cultura.

«In un momento in cui il turismo rappresenta una porzione sempre più rilevante delle economie di tutto il mondo, Airbnb è impegnata a far sì che le persone e le comunità locali possano beneficiare al massimo di questo fenomeno. La nostra piattaforma e il suo modello di community sono alternative al tradizionale turismo di massa, e anticipano il diffondersi dell’esperienzialità del viaggio. Con questa ‘scuola’ vogliamo dare l’opportunità a persone motivate di cogliere i cambiamenti in atto e provare a reinventarsi, perché no, magari diventando host di Esperienze», ha dichiarato Matteo Frigerio, amministratore delegato di Airbnb Italia.

«Parte un altro progetto di eccellenza per una città come Matera che sta dimostrando di innovare sia sul tema della fruizione culturale sia dell’accoglienza al visitatore. Per contrastare il fenomeno dell’overtourism, crediamo infatti sia necessario l’approfondimento e la specializzazione di competenze di chi è chiamato ad ospitare quelli che noi chiamiamo 'cittadini temporanei'», ha commentato Paolo Verri, direttore generale della Fondazione Matera-Basilicata 2019.

I 25 partecipanti verranno selezionati dando la precedenza a progetti che coinvolgeranno Matera e tutto il Sud Italia, e avranno l’occasione di sviluppare non soltanto conoscenze e strumenti, ma anche di costruire una rete di contatti. Il programma dell’Academy si articolerà su quattro giorni di lezioni, workshop e incontri ispirazionali, che si terranno dal 30 maggio al 2 giugno presso le Monacelle di Matera. Le facilitazioni per partecipare all’Academy includono vitto e alloggio. I partecipanti avranno la possibilità di sperimentare e testare ogni aspetto della propria idea, per prepararsi all’inizio di una nuova avventura. Durante questo percorso, potranno infatti discutere i dettagli della propria proposta con professionisti italiani e stranieri, e si confronteranno riguardo le diverse fasi di ideazione, progettazione, comunicazione, racconto e vendita.

Inoltre, saranno presenti alcuni host di Esperienze Airbnb che condivideranno la storia della propria attività, e i traguardi raggiunti attraverso il turismo esperienziale. Le Esperienze Airbnb sono attività promosse da abitanti del luogo, che coinvolgono i viaggiatori trasmettendo loro qualcosa dal punto di vista di una persona del posto. Al momento, il nostro Paese è il secondo mercato al mondo dopo gli Stati Uniti per queste proposte. Tra le oltre 3.400 Esperienze presenti in Italia, poco meno di un migliaio si trovano nel Sud Italia.
Avvenire

Il Sacro Monte Calvario di Domodossola disturbato dallo «shake down» rally Due Laghi

Tutto è pronto in Ossola per la gara di apertura della stagione motoristica del Vco e del Novarese, il rally Due Laghi-Città di Domodossola che si correrà Domenica 14 Aprile 2019, tre prove speciali da ripetere due volte, e con ben 96 macchine alla partenza.
La manifestazione, organizzata dalla New Turbomark, segue la formula del rally day, ovvero tutto in un giorno, ma ha avuto un prologo già oggi con lo «shake down» a Calice, dalle 15 alle 18, durante il quale i tecnici hanno avuto la possibilità di mettere a punto le macchine, motori, sospensioni e gomme, in vista della gara. 

Peccato che l'evento di oggi Sabato 13 Aprile, con tanto di approvazione prefettizia, sia stato collocato nelle strade di accesso al Sacro Monte Calvario do Domodossola, dal 2003 Patrimonio Mondiale dell'Umanità Unesco. 

Il Sabato il Sacro Monte di Domodossola è meta di numerosi pellegrini che raggiungono la Riserva protetta, a piedi o con mezzi privati. La manifestazione «shake down » legata al rally Due Laghi-Città di Domodossola ha arrecato un grande disturbo acustico e viabile ai pellegrini e agli abitanti della zona. 
iI 24 e 25 Marzo 2019 il Sacro Monte Calvario era stato scelto dal Fai come luogo delle "Giornate Fai di Primavera" per valorizzarne la bellezza.

a cura di Giuseppe Serrone - Turismo Culturale

Pasqua e 1 maggio, megaponte per 10 milioni italiani

(ANSA) - TORINO, 13 APR - Per il megaponte di Pasqua, 25 aprile e 1 maggio quasi un quarto degli italiani faranno una vacanza, precisamente il 22%, con una durata media di 4 giorni. Roma, Firenze e Venezia sono le mete preferite ma sono amate anche Palermo, Napoli e Lecce, mentre Matera continua a restare in classifica. A livello europeo buone perfomance di Madrid, seguita da Barcellona, la Francia, Londra e Praga. Nel lungo raggio si distinguono il Mar Rosso e i Caraibi, in particolare Cuba. Lo rileva l'osservatorio di Confturismo con l'Istituto Piepoli.

I dati di questo periodo difficilmente sono confrontabili di anno in anno, dal momento che Pasqua cambia sempre la sua posizione nel calendario. Inoltre il meteo non ancora stabilizzato e la tendenza degli italiani a dipendere dalle previsioni potrebbe provocare cambi dell'ultimo minuto, in meglio o in peggio. 

La principale motivazione di viaggio è quella di visitare musei, monumenti o mostre ed è per questo motivo che sono proprio le città d'arte che concentrano il 45% delle preferenze. Quasi un terzo degli italiani che partiranno in questo periodo andranno invece al mare.



World Press Photo. Ecco gli scatti di fotogiornalismo più belli dell'anno

La foto che ha fatto il giro del mondo della bimba honduregna di due anni che piange mentre la mamma viene perquisita al confine tra Messico e Usa ha vinto il prestigioso premio World Press Photo of the Year, il più importante premio di fotogiornalismo.
L'immagine è stata scattata dal fotografo di Getty Images, John Moore lo scorso 12 giugno e ha alimentato le polemiche sulla politica di Trump sulla separazione delle famiglie al confine tra Stati Uniti e Messico.
Il vincitore è stato annunciato ieri sera al World Press Photo Awards Show ad Amsterdam nel corso dell'esclusiva cerimonia di premiazione del concorso nato in Olanda nel 1955.
La foto vincitrice della categoria «Ritratti, singoli»: «Dakar Fashion» di Finbarr O'Reilly. Mostra modelle in posa nel quartiere vecchio della capitale del Senegal, sotto gli sguardi incuriositi dei residenti (Ansa)
La foto vincitrice della categoria «Ritratti, singoli»: «Dakar Fashion» di Finbarr O'Reilly. Mostra modelle in posa nel quartiere vecchio della capitale del Senegal, sotto gli sguardi incuriositi dei residenti (Ansa)
Primo premio nella categoria «Progetti a lungo termine»: «Beckon Us From Home» di Sarah Blesener. Studentesse ridono prima di una gara di canto e marcia in un liceo di Dmitrov in Russia (Ansa)
Primo premio nella categoria «Progetti a lungo termine»: «Beckon Us From Home» di Sarah Blesener. Studentesse ridono prima di una gara di canto e marcia in un liceo di Dmitrov in Russia (Ansa)
Primo premio nella categoria «Ambiente, singole»: «Akashinga, the Brave Ones» di Brent Stirton, Getty Images. Esercitazioni di un'unità anti bracconaggio composta da sole donne nel parco naturale di Phundundu in Zimbabwe (Ansa)
Primo premio nella categoria «Ambiente, singole»: «Akashinga, the Brave Ones» di Brent Stirton, Getty Images. Esercitazioni di un'unità anti bracconaggio composta da sole donne nel parco naturale di Phundundu in Zimbabwe (Ansa)
Una delle immagini di «Syria, No Exit», secondo premio nella sezione «Spot News, storie»: si fa pulizia tra le macerie all'indomani del bombardamento del quartiere di Douma nella Ghouta orientale in Siria, il 22 febbraio 2018 (Ansa)
Una delle immagini di «Syria, No Exit», secondo premio nella sezione «Spot News, storie»: si fa pulizia tra le macerie all'indomani del bombardamento del quartiere di Douma nella Ghouta orientale in Siria, il 22 febbraio 2018 (Ansa)
La foto vincitrice nella sezione «Natura, storie»: «Falcons and the Arab Influence» di Brent Stirton, Getty Images for National Geographic. Mostra l'allevatore Howard Waller con un cappello per la raccolta di sperma del falcone (Ansa)
La foto vincitrice nella sezione «Natura, storie»: «Falcons and the Arab Influence» di Brent Stirton, Getty Images for National Geographic. Mostra l'allevatore Howard Waller con un cappello per la raccolta di sperma del falcone (Ansa)
La foto vincitrice della categoria «Ritratti, storie»: «Land of Ibeji» di Benedicte Kurzen, Noor, e Sanne de Wilde, Noor. Due donne in abito bianco, vestite per andare in chiesa, su un colle vicino a Igbo-Ora in Nigeria (Ansa)
La foto vincitrice della categoria «Ritratti, storie»: «Land of Ibeji» di Benedicte Kurzen, Noor, e Sanne de Wilde, Noor. Due donne in abito bianco, vestite per andare in chiesa, su un colle vicino a Igbo-Ora in Nigeria (Ansa)
Una delle immagini di «Syria, No Exit», secondo premio nella sezione «Spot News - Storie»: bambini curati dopo un attacco con gas nel villaggio di al-Shifunieh, Ghouta orientale in Siria, il 25 febbraio 2018 (Ansa)
Una delle immagini di «Syria, No Exit», secondo premio nella sezione «Spot News - Storie»: bambini curati dopo un attacco con gas nel villaggio di al-Shifunieh, Ghouta orientale in Siria, il 25 febbraio 2018 (Ansa)
È la foto dell'anno, vincitrice dell'edizione 2019 del World Press Photo: «Crying Girl on the Border» di John Moore. Mostra la piccola Yanela Sànchez, originaria dell'Honduras, che si dispera mentre lei e la madre Sandra Sànchez vengono arrestate da agenti della polizia di frontiera statunitense a McAllen, in Texas, il 12 giugno 2018 (Ansa)
È la foto dell'anno, vincitrice dell'edizione 2019 del World Press Photo: «Crying Girl on the Border» di John Moore. Mostra la piccola Yanela Sànchez, originaria dell'Honduras, che si dispera mentre lei e la madre Sandra Sànchez vengono arrestate da agenti della polizia di frontiera statunitense a McAllen, in Texas, il 12 giugno 2018 (Ansa)
Una delle immagini di «Syria, No Exit», secondo premio nella sezione «Spot News, storie»: appena arrivati in ospedale, un bambino conforta il fratello rimasto ferito nei bombardamenti di Douma, Ghouta orientale in Siria, l'8 febbraio 2018 (Ansa)
Una delle immagini di «Syria, No Exit», secondo premio nella sezione «Spot News, storie»: appena arrivati in ospedale, un bambino conforta il fratello rimasto ferito nei bombardamenti di Douma, Ghouta orientale in Siria, l'8 febbraio 2018 (Ansa)
Avvenire

Ambiente. La sfida di sindaci e cittadini contro le montagne di plastica

(Ansa)

avvenire
«A Freetown, fronteggiamo una montagna di plastica da rimuovere ogni giorno. Ci battiamo strenuamente e abbiamo l’obiettivo di riciclarne almeno il 40% entro il 2022». Yvonne Aki-Sawyerr, 58 anni, primo sindaco donna dagli anni Ottanta della capitale sierraleonese, usa toni gravi. È giunta a Parigi, al summit "Women4climate", per cercare soluzioni anche contro quell’infausta "montagna" che minaccia di soffocare la sua città, deturpandone pure il litorale sull’Atlantico. «Vogliamo sostenere chiunque abbia un piano per unirsi a questa battaglia, soprattutto grazie all’economia circolare», ci spiega, ricordando che a Freetown il problema nasce in gran parte dall’uso abnorme di bottiglie di plastica indotto dalla scarsità d’acqua potabile. «Ho ormai capito una cosa. Per quanto volenterose, le città da sole non potranno farcela, alla lunga. La plastica è dappertutto e servono soluzioni globali. Per questo, con altri sindaci di ogni continente, mi batto pure affinché la plastica monouso venga definitivamente messa al bando su scala mondiale».
Quello della sindaca sierraleonese non è affatto un grido isolato, tanto il flagello è divenuto ubiquo, accomunando per una volta gli Stati più poveri e le nazioni ricche di vecchia industrializzazione, passando per i Paesi "in transizione" che accedono al sistema dei consumi di massa. Fra le città statunitensi, dopo decenni di sperimentazioni, San Francisco è divenuta un punto di riferimento nella lotta alla plastica, come ci racconta con fierezza Elmy Bermejo, la donna al timone di "SF Environment", il dipartimento municipale e di contea in materia ambientale: «La nostra città è stata una delle prime a disapprovare le sporte di plastica. Dopo tante campagne di sensibilizzazione, quasi tutti vanno ormai al supermercato con sporte riutilizzabili. Adesso, chiediamo ai cittadini di arrivare con la propria tazza nei caffè che lo permettono. La chiave sta sempre nel risvegliare nella gente la voglia di compiere azioni giuste. I più convinti finiscono per dare il buon esempio agli altri». Ma perseverare in queste battaglie è più complicato sotto l’Amministrazione Trump, sottolinea la responsabile.
Sull’emergenza plastica, anche le relazioni fra le città australiane in prima linea e il governo federale nazionale sono "complesse", ammette Clover Moore, 73 anni, divenuta sindaco di Sydney nel 2004 e ancora al timone della metropoli sul Pacifico, dopo aver polverizzato tutti i record di longevità politica: «Spetta a noi sindaci propugnare questa causa, ma è davvero dura, perché dobbiamo poi attendere le decisioni del governo centrale prima di poter bandire qualsiasi tipo di plastica. Facciamo lo stesso del nostro meglio, soprattutto per convincere i cittadini a cambiare le loro abitudini, promuovendo ad esempio le tazze da caffè riutilizzabili ormai in commercio, o scoraggiando l’uso di cannucce. Mi ero impegnata su questo fronte per decenni già come deputata. Adesso, sono più convinta che mai che si tratta di una battaglia vitale per il futuro delle nostre città e degli ecosistemi. Ma serve ancor più coraggio, più impegno che in passato». Quando le chiediamo qual è la strada per cambiare le cose, non esita un attimo: «Accanto alle leggi, l’educazione è l’altro fattore chiave. Dobbiamo mostrare ai bambini le immagini degli uccelli strangolati e delle altre devastazioni dovute alla plastica».
Ma la partita mondiale contro la morsa della plastica si gioca sempre più soprattutto nell’Asia dei record di crescita economica. Su questa piaga, la militante ambientalista indiana Vandana Shiva ha ormai un punto di vista molto netto, che ci illustra quasi con foga: «In India e nel resto dell’Asia, l’abuso di plastica è in gran parte legato al cibo spazzatura. Ma non abbiamo bisogno di questo cibo perché, così come l’Italia, anche i nostri Paesi hanno alimenti tradizionali squisiti. I contenitori in plastica e in alluminio stanno distruggendo il nostro pianeta. Dobbiamo fronteggiare montagne di spazzatura non più gestibili. Le immagini del Primo ministro indiano con una scopa in mano per dare l’esempio non potranno avere effetti duraturi. Per risolvere alla radice il problema, dobbiamo tornare a un cibo pulito, ad alimenti freschi e diversificati, senza più criminalizzare le economie comunitarie locali. Rivitalizzare le economie locali fondate sul cibo e liberate dalla plastica è la più grande rivoluzione concreta di cui abbiamo bisogno. Queste montagne di plastica contro cui dobbiamo sbracciarci, per me, sono il simbolo di una distruzione che è triplice, ma in fondo unica: la distruzione della Terra, la distruzione del nostro corpo, la distruzione delle nostre democrazie».
L'emergenza non risparmia di certo l’Europa, dove ogni cittadino produce annualmente in media più di 30 kg di rifiuti in plastica. Una situazione alla lunga insostenibile che ha spinto la Commissione Ue a promuovere l’anno scorso un piano per approdare al 100% di plastica riciclabile o riutilizzabile entro il 2030. «Se non cambiamo il modo in cui produciamo e utilizziamo la plastica, nel 2050 i nostri oceani conterranno più plastica che pesci», ha lanciato in particolare l’olandese Frans Timmermans, primo vicepresidente della Commissione. Ma intanto, in Europa, ad ostacolare ogni sforzo è pure lo sviluppo vertiginoso degli acquisti su Internet e dei conseguenti pacchi spediti a distanza. Un modello finora fondato spesso sull’uso d’imballaggi in plastica. Un altro fattore critico, questa volta demografico, riguarda l’aumento d’individui che vivono da soli, consumando così in media una quota maggiore di confezioni alimentari ed altri involucri.
Per i Paesi Ue, decisi a puntare sempre più sull’"economia circolare", l’obiettivo di potenziare in fretta il settore del riciclaggio della plastica viene visto da certi studiosi come un possente volano della futura green economy. Ma in termini industriali, si tratta di una sfida colossale. Per decenni, infatti, anche gli Stati in cui è attecchita una diffusa cultura della raccolta differenziata, come la Germania, hanno in buona parte 'esternalizzato' il riciclaggio vero e proprio, spedendo enormi cargo di plastica usata in Paesi a basso costo di manodopera. La Cina, in particolare, aveva finito per assorbire più della metà dei materiali di scarto riciclabili esportati dall’Ue. Ma la decisione di Pechino, maturata l’anno scorso, di ridurre drasticamente le importazioni dei rifiuti mondiali obbliga ormai tutti gli operatori europei del settore a rimboccarsi le maniche per rivoluzionare tante vecchie abitudini. Il continente è giunto a un bivio, anche perché, come denunciano le associazioni ecologiste, cresce il rischio di trasformare la Polonia, la Romania e la Bulgaria nelle 'pattumiere' europee, in nome di una semplice logica di riduzione dei costi di trattamento.
Anche in Italia, dove la raccolta differenziata ha registrato costanti progressi nell’ultimo decennio, occorrerà uno sviluppo poderoso del settore per gestire gli stock crescenti d’imballaggi riciclabili selezionati dai cittadini, senza accrescere al contempo le montagne dei rifiuti destinati agli inceneritori o alle discariche. Ogni anno, secondo l’Onu, circa 13 milioni di tonnellate di plastica finiscono negli oceani, nel 90% dei casi per via fluviale: nel complesso, oltre i due terzi dei rifiuti ritrovati in ambiente acquatico. Più che mai, come sperimentano ogni giorno sindaci e semplici cittadini di ogni continente, si tratta di una sfida di portata titanica. Una di quelle che richiedono pure la raccolta differenziata di ogni briciola di creatività nella strenua ricerca di soluzioni davvero sostenibili.

Arte. Leonardo da Vinci: ecco tutte le mostre che festeggiano i 500 anni del genio

"L'umo vitruviano" di Leonardo da VInci, in mostra alle Gallerie dell'Accademia a Venezia

Nel 2019 ricorrono i 500 anni della nascita di Leonardo da Vinci. Sono molte le mostre in Italia che celebrano la sua figura, in grado di fondere arte e scienza. Ecco allora dove sarà possibile ammirare le opere, i disegni e le "invenzioni" di Leonardo nei prossimi mesi.

Milano

A Milano Leonardo ha passato gli anni più importanti della sua vita. La città lo festeggia con un lungo programma chiamato Leonardo 500 e diverse mostre.
Biblioteca Ambrosiana
La biblioteca fondata da Federico Borromeo custodisce il gigantesco Codice Atlantico, la più importante raccolta di scritti e disegni di Leonardo. Fino al 16 giugno alcuni dei fogli più belli sono esposti nella mostra “I segreti del Codice Atlantico”. Ricordiamo che all’Ambrosiana si trova anche il Musico, tra i più belli e ancora enigmatici ritratti di Leonardo.
Castello Sforzesco
Al Castello Sforzesco fervono i lavori di restauro perché le ultime ricerche hanno portato alla luce i resti degli straordinari affreschi della Sala delle Asse, in cui Leonardo dipinse una stanza da pavimento a soffitto come se fosse un luogo naturale. La Sala delle Asse aprirà al pubblico dal 16 maggio per la mostra “Sotto l’ombra del Moro. La Sala delle Asse”, a cura di Francesca Tasso e Michela Palazzo, consentendo di ammirare le eccezionali tracce del disegno preparatorio di mano di Leonardo.
Museo della Scienza e della tecnologia
Il museo, intitolato proprio a Leonardo, ha scelto di celebrare l’anniversario tornando alle sue origini ed esponendo in modo evocativo le due collezioni con cui ha aperto al pubblico il 15 febbraio 1953. “Leonardo da Vinci Parade” (fino al 13 ottobre) mette in scena una ricca selezione degli spettacolari modelli realizzati negli anni ’50 interpretando i disegni di Leonardo e affreschi di pittori lombardi del XVI secolo, concessi in deposito nel 1952 dalla Pinacoteca di Brera, diretta allora da Fernanda Wittgens.
Fino al 14 luglio la principale sede espositiva milanese propone “Il meraviglioso mondo della natura”. Quadri dedicati a flora e fauna sono messi a confronto con animali e reperti del Museo di Storia Naturale. Qui di Leonardo c’è un solo disegno, messo in dialogo con un gatto contenuto nell’Historia plantarum della Biblioteca Casanatense di Roma, tra i capolavori della miniatura tardogotica lombarda (e quindi europea…).
Cenacolo Vinciano
Naturalmente non si può dimenticare che a Milano si trova l’Ultima Cena, l’immagine più celebre e celebrata di Leonardo. Una visita in questo anno leonardesco è un omaggio obbligato…

Torino

Il volto di Leonardo lo conosciamo bene: ce l’ha consegnato lui stesso nel celebre Autoritratto. Il disegno è conservato a Torino è ora esposto fino al 14 luglio nella mostra “Leonardo da Vinci. Disegnare il futuro” nei Musei Reali. Con lui tredici fogli acquistati dal re Carlo Alberto nel 1840 e le pagine del Codice sul volo degli uccelli, ricevuto in dono da Umberto I.

Venezia

Chi non ha mai incontrato l’immagine dell’Uomo vitruviano di Leonardo? Ora lo si può ammirare dal vivo alle Gallerie dell’Accademia di Venezia, museo che lo custodisce insieme a un importante nucleo di disegni nella mostra "Leonardo da Vinci. L’uomo modello del mondo". A questi si aggiungono carte in arrivo dal Castello di Windsor, dalla National Gallery di Washington, dal Fitzwilliam Museum di Cambridge e dalla Morgan Library di New York. Dal 17 aprile al 14 luglio.

Roma

Alle Scuderie del Quirinale è allestita la grande mostra “Leonardo – La scienza prima della scienza”. Un percorso storicamente ben calibrato che smonta tanti miti leonardeschi per ricollocare la figura di Leonardo all’interno del suo tempo e insieme esaltando le caratteristiche di unicità e poliedricità della sua figura. Un Leonardo molto più interessante della sua leggenda… Fino al 30 giugno.

Firenze

Palazzo Vecchio
Il Codice Atlantico è così grande e ricco da consentire l’allestimento di diverse mostre. Così è Palazzo Vecchio, dove è possibile visitare fino al 24 giugno “Leonardo e Firenze. Fogli scelti dal Codice Atlantico”. Sono dodici i fogli esposti.
Palazzo Strozzi
Da non perdere la mostra “Verrocchio e Leonardo”: 120 opere tra sculture, dipinti e disegni e sculture gettano luce su un artista sommo che non fu solo maestro di Leonardo e Botticelli ma contribuì in maniera essenziale alla nascita del “maniera moderna”.

Vinci

Nel borgo che ha dato i natali a Leonardo è da anni allestito un Museo Leonardiano, ricco di . Qui a partire dal 15 aprile fino al 15 ottobre sarà possibile visitare “Alle origini del genio” Co-organizzata con gli Uffizi, è incentrata sul legame biografico di Leonardo con la sua terra nel suo percorso di artista e ingegnere. In mostra anche il primo disegno conosciuto da lui realizzato, "Paesaggio 8P" datato 5 agosto 1473.

Prato

Il Museo del tessuto dedica a Leonardo da Vinci una mostra che evidenzia l’interesse, la sensibilità e l’ingegno dell’artista nella messa a punto e nell’invenzione di dispositivi e macchine per una delle attività economiche preponderanti del suo tempo, l’arte tessile: disegni, macchine, studi e testimonianze del tempo.
avvenire

A Verona focus sullo stato del cicloturismo in Italia


travelnonstop
Sabato 13 aprile presso il Palazzo della Gran Guardia in piazza Bra a Verona è in programma il convegno ‘Il Cicloturismo in Italia: Bicitalia e Sistema Nazionale Ciclovie Turistiche’ organizzato dall’Assemblea Nazionale di FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta che si riunisce nella città scaligera per il rinnovo delle cariche e la discussione del nuovo statuto, rivisto in armonia con le attuali normative vigenti.
Ricco il panel dei relatori del convegno di FIAB sul cicloturismo, un ambito su cui la Federazione ha investito da sempre e che, come dicono gli ultimi dati Isnart, nel nostro Paese vale 7,6 miliardi di euro, con 77,6 milioni di presenze (il 41% in più rispetto al 2013).
Dopo i saluti della presidente uscente di FIAB, Giulietta Pagliaccio, del sindaco di Verona, Federico Sboarina, e dell’assessore a lavori pubblici, infrastrutture e trasporti della Regione Veneto, Elisa de Berti, ilcontributo di Michele Dell’Orco, sottosegretario Mit.
Si inizia con la relazione ‘Dalla Ciclopista del Sole alla rete nazionale Bicitalia: trent’anni di impegno della Fiab’ con Antonio Dalla Venezia, responsabile area cicloturismo FIAB, che ripercorre il progetto di mappatura della rete ciclabile italiana fortemente voluto dalla Federazione e iniziato molti anni fa. Giovanni Cardinali, coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico Bicitalia, proporrà ‘Si progetta pedalando: dalla Bicistaffetta alla rete Bicitalia’.
Seguono contributi su best practice e realtà significative in tema di infrastrutture cicloturistiche del nostro Paese, con Alessandro Delpiano, dirigente di Città Metropolitana di Bologna, che condivide lo stato dell’arte della ‘Ciclovia del Sole sulla tratta da Verona a Firenze’; Sergio Deromedis, direttore Sostituto dell’Ufficio Infrastrutture Ciclopedonali della Provincia Autonoma di Trento, che racconta ‘La ciclovia del Garda e la rete ciclopedonale trentina: un esempio di gestione sostenibile e di rete cicloturistica’, mentre Laura Turri di Verona Garda Bike porta la testimonianza di questa rete d’imprese nata per promuovere in modo congiunto l’andare in bicicletta nella zona del basso lago di Garda veronese.
Nella mattinata di sabato 13 aprile FIAB consegna inoltre il ‘Premio personalità amiche della Bicicletta 2019’.
Il weekend veronese prosegue poi fino a domenica a porte chiuse, con i lavori dell’Assemblea Nazionale e per il rinnovo delle cariche, che porteranno nuovi volti ai vertici della Federazione. “Chiudo 6 anni di mandato con grandi soddisfazioni e il convegno di oggi ne è la conferma. Tante risorse per la mobilità ciclistica stanno mettendo in circolo un’economia realmente sostenibile: anche i cittadini italiani stanno dimostrando che ‘cambiare si può’ e un diverso modello di mobilità è sempre più richiesto come dimostra l’ultimo rapporto ISFORT”, ha detto il presidente uscente di FIAB Giulietta Pagliaccio.
L’Assemblea Nazionale di FIAB e il convegno sul Cicloturismo in Italia sono organizzati con il patrocinio della Regione Veneto e del Comune di Verona e con il sostegno di Verona Garda Bike (www.veronagardabike.com), la rete d’imprese composta da 7 realtà dell’area – Europlan S.p.A., Bellatrix S.r.l., Lamacart S.p.A. con il Museo Nicolis, Turri Fratelli S.r.l., Masi, Gardaland, Parco Natura Viva – che hanno scelto di collaborare in un progetto imprenditoriale trasversale che ha come focus la bicicletta e punta a incoraggiare la mobilità attiva sul territorio.

Tour in Italia e in Europa nell’uovo di Pasqua di Viaggi



travelnonstop
Per Pasqua Viaggi di Boscolo propone delle bellissime idee di viaggio.
C’è La Grecia Classica e Salonicco un viaggio di 10 giorni nel cuore di questa bellissima nazione. Punto di partenza è Atene, città dai molti contrasti dominata dall’acropoli e dal Partenone, una città difficile da dimenticare dove si respira storia in ogni angolo. Da Atene ci si sposta verso la Grecia classica, la culla della civiltà visitando siti come Corinto, Micene, Epidauro e il bellissimo teatro dall’acustica perfetta fino ad arrivare a Salonicco. Salonicco sarà il punto di partenza per visitare luoghi storici come Filippi e Pella.
Grecia classica e Salonicco: 10 giorni a partire da 1.926 euro a persona. Incluso nel prezzo volo a/r, pernottamento con colazione nelle strutture selezionate, 2 pranzi e 8 cene, pullman gran turismo per tutta la durata del viaggo e un accompagnatore Boscolo.
In alternativa, Viaggi di Boscolo propone una visita a San Pietroburgo. Costruita su oltre cento isole nel delta del Neva, San Pietroburgo è uno scrigno che riserva tesori inestimabili a chi saprà aprirlo: dalle raffinate atmosfere del centro storico alla grandiosità della fortezza di SS. Pietro e Paolo, fino ai capolavori custoditi nel museo Ermitage.
San Pietroburgo: 5 giorni a partire da 1.175 euro a persona. Incluso nel prezzo volo a/r, pernottamento con colazione nell’hotel selezionato, due pranzi e tre cene, ingressi nei musei, pullman granturismo e assistenza Boscolo per tutta la durata del viaggio.
Infine, in Italia, 6 giorni alla scoperta di Matera e la Basilicata con degustazione all’interno di uno dei famosi sassi di Matera di uno dei vini più caratteristici della zona, l’aglianico del Vulture.
Matera e la Basilicata: 6 giorni a partire da 1.035 euro a persona. Incluso nel prezzo: volo a/r, pernottamenti nelle strutture selezionate, 3 pranzi e 5 cene, pullman gran turismo per tutta la durata del viaggio, referente Boscolo, degustazioni di vini e pranzo in un tipico sasso di Matera

Federturismo e ANEF: Olimpiadi 2026 occasione per l’intero Paese



“Inseguire il sogno olimpico è dimostrazione di grande determinazione e visione da parte di tutti: Governo, Enti locali, Coni e cittadini. E anche se il percorso si rivela spesso lungo e tortuoso, bisogna avere la consapevolezza che l’organizzazione di un’Olimpiade rappresenta per l’intero Paese un’occasione unica di visibilità, oltre ad essere un efficace metodo di riqualificazione e ristrutturazione territoriale, altrimenti di difficile e lunga attuazione”. Parola della vice presidente di Federturismo Confindustria Marina Lalli che esprime la sua soddisfazione per il sostegno finanziario ricevuto da parte del Governo con la sottoscrizione di 415 milioni di euro a garanzia del dossier delle Olimpiadi 2026, Milano-Cortina.
“Questa candidatura – ha aggiunto la presidente dell’Associazione Nazionale Esercenti Funiviari Valeria Ghezzi – è un grande motivo di orgoglio italiano, primo tra tutti per la sua unicità, in quanto i giochi sarebbero disposti su una lunga porzione di arco alpino come nessun altro paese può fare, rappresentando così una proposta sinergica eccezionale che coinvolge località montane di tre regioni italiane e una metropoli internazionale come Milano. Questa candidatura è un’opportunità importante, alla quale si sta lavorando con passione e impegno nel rispetto dell’Agenda 2020. Saremmo felici di vedere, dopo 20 anni, le Olimpiadi sulle Alpi, un’area tra le più importanti al mondo per il turismo invernale”.
Le premesse di un progetto vincente ci sono tutte, ora attendiamo fine giugno fiduciosi che l’impegno di tutti sia premiato con l’aggiudicazione dei Giochi Olimpici.
travelnonstop

Reggio Emilia, al via il Festival di Fotografia Europea 2019: ecco l'anteprima

Mostre, conferenze, spettacoli, workshop. Dal 12 aprile al 9 giugno 2019, Reggio Emilia ospita la XIV edizione di Ftografia Europea, il festival promosso e organizzato dalla Fondazione Palazzo Magnani insieme al Comune di Reggio Emilia e alla Regione Emilia-Romagna, con il sostegno del Ministero per i beni e le attività culturali, che esplora tutti gli ambiti della disciplina che meglio interpreta la complessità della società contemporanea. Ideata dal Comitato Scientifico della Fondazione Palazzo Magnani – composto da Marco Belpoliti, Vanni Codeluppi, Marina Dacci, Marzia Faietti, Walter Guadagnini, Gerhard Wolf – sotto la direzione artistica di Walter Guadagnini, Fotografia Europea è declinata sul tema "Legami. Intimità, relazioni, nuovi mondi", che unirà con un ideale filo rosso tutte le esposizioni che compongono il programma.

Gazzetta di Reggio