LaRedoute

Cirque du Soleil: «Portiamo all'Expo la gioia della vita»

La compagnia prova a Milano il nuovo spettacolo “Allavita!” che debutterà il 13 maggio. Una produzione da 8 milioni di euro in scena fino al 30 agosto.
Siamo andati a vedere le prove e abbiamo intervistato i protagonisti.

Un’esclusiva festa per i sensi» promette il sottotitolo di Allavita! lo show che il Cirque du Soleil deposita dal 13 maggio tra i padiglioni dell’Expo con un’agenda di ottanta repliche che lo terrà a Milano fino al 30 agosto. E le prove in corso al Palaghiaccio di via Piranesi sembrano proprio dargli ragione. Acrobati che si lanciano da un trapezio all’altro traversando scroscianti pareti d’acqua, tappeti giganti, un elfo in volo sulle teste del pubblico appeso a grappoli di palloni aerostatici, gli “sway poles”, le lunghe pertiche flessibili che consentono agli acrobati formidabili coreografie ondeggianti, sono solo alcune delle sorprese di Allavita!, spettacolo in quattordici quadri in scena per cinque sere la settimana, con turni di riposo il lunedì e il martedì.

Questo sorprendente mix tra musical e circo racconta di un ragazzino che riceve in dono un seme magico da sua nonna. Da questo seme appare un amico immaginario che lo guida in un fantastico viaggio tra stupore, coraggio e speranza. Ovviamente è stato il tema di Expo Milano 2015, “Nutrire il pianeta, energia per la vita”, ad avere ispirato la storia.

Pur discussa e criticata, la scelta dell’ensemble canadese risponde a quei criteri d’internazionalità con cui un evento di portata globale come l’esposizione universale è tenuta a confrontarsi. Davanti alla scelta dei circensi nordamericani alcuni addetti ai lavori nazionali hanno storto la bocca parlando di mortificazione della cultura italiana e di “provincialismo esterofilo”, di mancata valorizzazione della nostra eccellenza nello spettacolo e, per non farsi mancare proprio nulla, di trionfo dello show business sull’arte. Il Cirque ha risposto coi fatti, mettendo in campo un’organizzazione inesorabile; e mentre a Rho la costruzione dei padiglioni arrancava dilaniata dai ritardi, dai commissariamenti e dalle vertenze giudiziarie, nella “fabbrica del sogno” di Montréal l’organizzazione di Allavita! procedeva come un gioiosa macchina da guerra. Inizialmente l’Expo aveva progettato di ospitare come spettacolo residente un “must” della compagnia canadese già in tournée quale Amanluna, portato al debutto tre anni fa e liberamente ispirato a La tempesta di Shakespeare.Poi però si è preferito puntare su una produzione originale, realizzata con un investimento di otto milioni di euro, sei dei quali per il Cirque du Soleil e due per l’infrastruttura, ovvero un teatro sotto le stelle da seimila posti. Anche se presumibilmente queste cifre non tengono conto di delle spese accessorie di Allavita!, a cominciare da infrastrutture tecniche come l’impianto luci o quello di amplificazione, personale specializzato, addetti alla sicurezza, servizio catering e quant’altro. In totale altri quattro-sei milioni di euro, alleviati dall’intervento degli sponsor.

Amaluna approderà in Italia con il suo tendone solo a primavera 2016. «Storicamente ogni edizione dell’Expo ha fatto del tema e del contesto in cui si svolgeva il suo elemento caratterizzante, quindi sarebbe stato difficile adattare al tema dell’alimentazione uno spettacolo già esistente» spiega Krista Monson, regista di Allavita!. «Ho diretto a Las Vegas One day One drop, evento unico a sostegno dell’omonima organizzazione [impegnata a garantire a tutti l’accesso ad un bene primario della vita quale l’acqua, ndr] che aveva un messaggio altrettanto forte e un soggetto ugualmente importante. Il tutto fondendo, anche in quella circostanza, spettacolarità e poesia. Qui abbiamo puntato ad uno show internazionale che avesse però un sapore italiano. Molta musica e molta passione, quindi. Pure il finale, a sorpresa, è molto italiano». 


Claudio Giuliani, 41 anni, marchigiano, è uno dei 23 italiani impegnati in un cast di 48 artisti. Viene da Corinaldo, il paese dell’anconetano in cui è nata santa Maria Goretti. «Con altri tre colleghi, cooptati pure loro nello spettacolo, sono uno sbandieratore nel gruppo storico Combusta Revixi, ma la velocità e la contrazione degli spazi imposti dagli alti ritmi di Allavita! rendono tutto molto più spettacolare e complicato» ammette. «Lo scorso ottobre, alle selezioni, la prima cosa che ci hanno chiesto la regista e i suoi collaboratori è stata quella di uscire dall’area protetta in cui siamo abituati ad operare, per stupire loro e noi stessi. Ovviamente non utilizziamo le nostre bandiere abituali ma dei drappi che evocano l’inafferrabilità di un elemento naturale come il vento. Abbiamo iniziato a lavorare qui al Palazzo del ghiaccio il 30 marzo; nove ore al giorno con solo qualche momento di pausa. La settimana prossima iniziano le prove a Rho e da quel momento sarà vietato sbagliare. Krista – aggiunge – ci chiede di non aver paura di mostrare quel che ci portiamo dentro soprattutto quando abbandoniamo la manualità dei nostri strumenti per trasformarci ora in ballerini ora in attori. È entusiasmante vedere dal di dentro come nasce un mega-show del genere, anche perché finora in Italia il Cirque uno spettacolo di queste dimensioni non l’aveva mai prodotto».
avvenire

Nessun commento: