LaRedoute

Luoghi dello spirito: Greccio, là dov'è nato il presepe

A Greccio, provincia di Rieti, quasi 800 anni fa, san Franceso rappresentò la Natività. Oggi la tradizione si ripete. E nella Valle Santa i fedeli visitano i santuari francescani.

famigliacristiana.it

Il santuario di Greccio (Rieti), situato nel piccolo comune abbarbicato sulla montagna, fu molto amato da san Francesco che qui, nel 1223 allestì una rievocazione sacra della nascita di Gesù. Nacque così il presepe, che da allora, in tutto il mondo, ricorda la Natività.

Fu realizzata tra i Monti Sabini una Betlemme umile e semplice e lì ogni anno a Natale si torna indietro nel tempo, con una rappresentazione sacra che ricorda l’arrivo di san Francesco sul Monte Lacerone, nel 1209, l’ascensione alla grotta della Natività, il suo presepe. Si ammirano sei quadri viventi, che  ricostruiscono  minuziosamente usi e costumi medievali, immersi nella bellezza dei luoghi. L’evento dura un’ora, ci sono circa 2.000 posti in tribuna riscaldata,  queste sono le date: 24 dicembre, ore 22.30; 26 dicembre, ore 17.45; 1° gennaio, ore 17.45; 6 gennaio, ore 17.45; 7 gennaio, ore 17.45; 8 gennaio, ore 17.45.

Greccio si trova nel cuore del Cammino di Francesco, un itinerario inaugurato nel 2003 nel territorio della conca di Rieti, la Valle Santa reatina. Le tappe portano nella Rieti medievale, con i suoi palazzi e le sue chiese, nei Santuari di Greccio, La Foresta, Poggio Bustone e Fontecolombo,  nel bosco del Faggio di San Francesco a Rivodutri, nell’antico borgo di Posta, perla della Valle del Velino, sulle vette del Terminillo.
Il santuario di Greccio.
Il santuario di Greccio.
Lungo il Cammino di Francesco è presente la segnaletica in legno e, nei centri abitati, le frecce direzionali sulla pavimentazione.  Il cammino si può fare a piedi, in mountain bike, a cavallo, in automobile (questa modalità è stata resa possibile per tutti coloro che hanno difficoltà motorie). Nella provincia di Rieti il Santo soggiornò e lungo “per una speciale predilezione e per lo splendore dei molti miracoli”.

Ogni santuario, oggi, ricorda momenti importanti della vita di Francesco. Il santuario di Fontecolombo è il monte scelto per stilare la Regola definitiva del suo Ordine. Qui tutto è sacro: gli edifici, la fonte d’acqua purissima e il bosco stesso, perché racchiude il Sacro speco, la grotta in cui fu scritta la Regola. Qui  san Francesco fu operato agli occhi.

Il santuario di Santa Maria della Foresta, nato intorno alla chiesina di san Fabiano, è un convento di straordinaria suggestione. Chi cerca la pace e vuole, come lui,  fuggire dalla “pompa del mondo” trova in questo convento appartato un luogo ideale.  Immerso nel verde intenso dei boschi, probabilmente ispirò l’immortale Cantico delle Creature.

Il santuario di Poggio Bustone è uno dei luoghi più vicini allo spirito di san Francesco, apre l’animo del pellegrino alla meditazione e alla contemplazione. Qui egli arrivò nel 1209 con sei compagni, nel Sacro Speco ricevette il perdono dei peccati giovanili. Lungo il sentiero che porta alla grotta, tra querce secolari e aceri campestri, si incontrano sei edicole erette intorno al 1650 a ricordo di fatti miracolosi.

Sia che si voglia assistere alla rappresentazione del presepe vivente a Greccio o che si voglia visitare uno dei santuari è possibile fermarsi in strutture disposte lungo il cammino di Francesco, che offrono la loro ospitalità ai pellegrini.

Rosanna Precchia

 

Nessun commento: