LaRedoute

Repubblica Dominicana: adesso conviene

la meravigliosa spiaggia di La Romana-Bayahibe sulla costa meridionale  
(di Ida Bini)
Piace agli innamorati in luna di miele e alle famiglie con bambini; piace agli sportivi per le mille avventure tra le onde e a chi ama il caldo: la Repubblica Dominicana piace a tutti coloro che cercano una vacanza esotica, esclusiva, divertente e a prezzi contenuti. Nel mese di ottobre sono tanti gli appuntamenti nella capitale e molte sono le opportunità da Punta Cana a Samaná per alloggiare in nuovissime strutture alberghiere - boutique hotel e resort paradisiaci – con Spa e ristoranti di grande qualità.
Non è un caso che quest’anno la Repubblica Dominicana abbia ricevuto dei riconoscimenti internazionali turistici (da Expedia a Tripadvisor) per alcune strutture, considerate tra le migliori al mondo: Iberostar Hacienda Dominicus, Catalonia Royal Bávaro e Iberostar Grand Hotel Bávaro. Quest’ultimo, nella zona di Punta Cana, e Bahía Príncipe, situato nella penisola di Samaná, sono entrate nella classifica dei “migliori hotel all inclusive dei Caraibi”. C’è anche il Barceló Bávaro Beach Resort, rifugio esclusivo situato su una delle spiagge più belle e amate del Paese, 37 chilometri di sabbia bianchissima e di palme da cocco.
Tra i nuovissimi alberghi, inaugurati da poco, c’è anche l’NH Punta Cana che non ha formule all inclusive ed è perfetto per chi ama giocare a golf ma anche per chi cerca un luogo tranquillo dove rilassarsi, con piscine e servizio di spiaggia. L’hotel dista appena 20 chilometri dall’aeroporto di Punta Cana e 5 minuti dal centro commerciale di Palma Real. In questo periodo nella capitale Santo Domingo si svolgono appuntamenti e manifestazioni di grande richiamo turistico: dal 12 al 14 ottobre si celebra il Santo Domingo Colonial Fest, attesissimo evento di musica, arte, cultura, gastronomia e teatro. Il festival è anche un’occasione ideale per scoprire la zona coloniale della città attraverso visite ai musei, passeggiate storiche e culturali, tour eno-gastronomici e mostre dedicate ad artisti e artigiani locali. Taste Santo Domingo è un evento gastronomico che si svolge dal 18 al 24 ottobre per celebrare i prodotti, le nuove tendenze dell’industria alimentare ed enologica dell’isola e il talento degli chef locali.
Amanti del buon cibo, cuochi e appassionati di gastronomia potranno così ammirare e degustare i piatti preparati da chef provenienti da tutto il mondo presso i ristoranti degli hotel Renaissance Jaragua e del Meliá Santo Domingo. Qui si terranno anche conferenze, degustazioni ed esibizioni di prodotti. Un altro appuntamento mondano molto atteso è la settimana della moda dominicana Domenicana Moda, giunta alla settima edizione, che si svolge dal 22 al 27 ottobre presso l’hotel Occidental El Embajador con feste e sfilate. Oltre 50 collezioni di stilisti dominicani e internazionali saranno presenti all’evento, che verrà aperto dal venezuelano Angel Sánchez. L’evento è un’occasione anche per vivere la città di Santo Domingo in modo inconsueto: durante la manifestazione, infatti, ci saranno feste, convegni, concerti coinvolgenti un po’ ovunque. Ma la vera ragione che spinge a cercare una vacanza nella Repubblica Dominicana è nei 500 chilometri di spiagge caraibiche di sabbia candida, a tratti quasi impalpabile, lambita da un mare che ha le più belle sfumature del verde e dell’azzurro. La spiaggia più vicina alla capitale Santo Domingo è Boca Chica, molto frequentata anche dai dominicani e animatissima giorno e notte, per la presenza di numerosi ristoranti, locali e discoteche. Lungo la costa meridionale si trovano le meravigliose spiagge di La Romana-Bayahibe e Dominicus, dove si concentrano alcuni tra i più esclusivi villaggi turistici come il grande resort Dominicus Viva Wyndham, che quest’anno festeggia i 25 anni di attività con molti programmi e offerte speciali. Da qui e dal villaggio coloniale di La Romana si possono fare escursioni in catamarano o indimenticabili immersioni subacquee nelle isole di Catalina e Saona. Chi ama il surf deve recarsi a 20 minuti da Puerto Plata, a nord dell’isola, nella località di Cabarete, dove ci sono da cavalcare le migliori onde dell’isola. Fin dai primi anni Ottanta Cabarete era frequentata da surfisti di tutto il mondo e adesso, grazie a una condizione perfetta del vento che può arrivare anche oltre i 25 nodi, è anche una delle capitali mondiali del kitesurf, lo sport che unisce tavola e vela da paracadute. Molte sono le scuole che insegnano come volare sulle onde: Kitexcite, Kite Club Cabarete, Laurel Eastman che offrono lezioni personalizzate. Tantissimi altri sono gli sport che si possono praticare sulle acque di Cabarete e nell’entroterra: canyoning, immersioni, esplorazione di grotte e wakeboarding, sci d’acqua praticato nel fiume Yasica, a soli 7 chilometri da Cabarete, circondati da una natura tropicale mozzafiato. A sud di Puerto Plata è d’obbligo una tappa a Sosua, splendida baia dove è possibile fare immersioni tra i coralli, le spugne e i pesci più colorati. Il punto migliore dove immergersi è El Canal, famoso anche tra chi fa snorkeling. Spettacolari sono anche i litorali intorno alla penisola di Samaná, a nordest, immersa in una vegetazione tropicale lussureggiante e uno dei luoghi più suggestivi dell’isola. E’ un vero paradiso protetto da rigide regole che vietano di costruire case che superino l’altezza di una palma a meno di 60 metri dal mare. Non lontano, sul versante settentrionale, c’è la località Las Terrenas, borgo di pescatori, espressione dell’autentico spirito dominicano, con i suoi lunghi arenili e le piccole capanne allineate in riva al mare, che ospitano eccellenti bistrot. Tra i lidi più belli si consigliano la spiaggia di Punta Popy, la più frequentata dai dominicani e adatta per lunghe passeggiate; Las Ballenas, verso ovest, con acque basse e trasparenti protette dalla barriera corallina; Playa Bonita con un mare cristallino; e Playa Cosón, una delle spiagge meno frequentate e più incontaminate, sempre ventilata e quindi perfetta per il surf. E’ proprio qui, tra fiori e palme a pochi metri dalla spiaggia, che è stato da poco inaugurato un lussuoso boutique hotel, il Sublime Samaná, con 20 suite, Spa con una splendida vista sul mare e ville private a prezzi davvero invitanti.
ansa

L’accoglienza in Italia in tempi di crisi si fa con il web


Enit, Easy Italia e Federalberghi collegati in rete per razionalizzare l’offerta turistica italiana.
L’accoglienza in Italia in tempi di crisi si fa con il web  [ARCHIVE MATERIAL 20110330 ]  
L’accoglienza in Italia in tempi di crisi si fa con il web [ARCHIVE MATERIAL 20110330 ]
Il dato è certo: nonostante la sfavorevole congiuntura, il comparto turistico in Italia continua a rappresentare il 12% del prodotto interno lordo (fonte: World Economic Forum 2011). Ma l’informazione e l’accoglienza turistica nel nostro paese sono agli occhi dei tanti turisti piuttosto dispersive.Tutti questi organismi creano disagio nel turista straniero, abituato a modalità di promozione più omogenee riferimenti e forme di ospitalità comuni dal Brennero a Lampedusa.
Da qui la necessità, in epoca di scarsità di fondi e di spending review, di razionalizzare le attività delle amministrazioni pubbliche che si occupano di turismo, le sole in grado di assicurare servizi garantiti, imparziali ed efficaci. Con l 'Assise dell’Ospitalità Italiana, unico appuntamento nazionale delle istituzioni pubbliche impegnate nell’accoglienza turistica, promosso dalla Provincia di Verona con il supporto della Regione Veneto, la Regione Umbria e delle province di Ferrara e Pesaro-Urbino, lancia la sfida: perché non unire le forze e mettere in rete questi organismi attraverso un sistema digitale?
La III edizione dell’Assise dell’Ospitalità Italiana lancia agli enti nazionali di settore la proposta di dar vita ad un’unica rete degli uffici turistici italiani 114 miliardi di euro di giro d’affari annuo (di cui 30 miliardi di euro spesi dagli stranieri), 375 milioni di pernottamenti, 1 milione e mezzo di persone al lavoro. Nonostante l’importanza di questo comparto, il nostro paese non è ancora in grado di fornire servizi integrati di accoglienza e informazione, che permettano di valorizzare al massimo la propria ineguagliabile offerta turistica.
Di questo si discute all’Assise dell’Ospitalità Italiana, l’evento nazionale sulle strategie ed i servizi di informazione ed accoglienza turistica al via sul Lago di Garda. E del ruolo fondamentale che un’informazione integrata svolga per lo sviluppo turistico del nostro paese sono consapevoli i principali enti nazionali del settore, che parteciperanno all’Assise con dei loro rappresentanti. Per il presidente dell’ENIT (Agenzia Nazionale del Turismo) Pier Luigi Celli è importante la missione dell’Assise dell’Ospitalità Italiana, perché “tra le terapie anti-crisi credo sia fondamentale una politica del turismo di minor individualismo e di maggiore consapevolezza sulla necessità di lavorare in un “sistema” integrato Governo Centrale/Regioni/Comuni.
La promozione è un valore aggiunto nell’attività turistica - prosegue Celli - e deve essere coesa e coordinata. Se non si valorizza l’immagine del brand Italia e se non si promuovono le punte di eccellenza, la destinazione Italia non può avere il posto che le spetta nell’ambito della classifica turistica mondiale dei viaggi”. Consapevole della necessità di offrire servizi di accoglienza integrati anche il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca. “Affinché il turismo lavori per l'Italia sono necessarie specifiche linee di intervento che consentano lo sviluppo di politiche di sistema. La creazione di una rete di Governance e di servizi omogenei per il settore”, precisa il presidente Bocca, “passa sia dalla creazione di un Ministero forte e con portafoglio, sia da modifiche legislative, sia dallo sviluppo di tecnologie per il sistema turistico, a partire dall’e-commerce, per il quale dovrebbero essere introdotte agevolazioni fiscali”.
Peraltro per migliorare la risposta al turista, soprattutto quello straniero, esiste da pochi anni il servizio di Contact-Center Easy Italia. Definito da Alberto Maurizio Truffi, Responsabile Servizi al Cittadino - Easy Italia, “un'esperienza innovativa nell'ambito dei servizi di informazione e assistenza che contribuisce a migliorare l'ospitalità e l'accoglienza dei turisti in visita nel nostro Paese”. Esperienza che potrà essere implementata con l’ausilio degli altri soggetti di riferimento a livello nazionale e locale. Insomma, una visione comune sulla necessità di ottimizzare i servizi di ospitalità.
La proposta dell’Assise parte proprio da qui: elaborare una strategia condivisa fra IAT (uffici di accoglienza turistica) ed enti nazionali di settore per arrivare a offrire ai visitatori un’ “unica” Italia del turismo. Orgoglioso del lavoro svolto in questi tre anni dall’Assise è Ruggero Pozzani, Assessore al Turismo e allo Sport della Provincia di Verona: "A livello pubblico la situazione delle Province al momento non è chiara. Il nostro è un buon lavoro, realizzato in collaborazione con la Regione, che va riconosciuto, anche in termini progettuali: l'organizzazione dell'Assise dell'Ospitalità a Verona ne è un chiaro esempio
ansa

Come si scelgono le vacanze?

(di Marzia Giglioli)

Come si scelgono le vacanze? Perchè si preferisce una meta ad un’altra e come scatta la voglia di intraprendere un viaggio? Ci sono dinamiche personali, ma sicuramente ci sono anche regole generali e c’è anche uno stile di scelta. Basta andare a vedere i dati sulle prenotazioni e le mete più frequenti, si scopre così che gli italiani sono sempre più green, sanno sempre più viaggiare informati e vogliono scoprire i luoghi e non solo visitarli.
Gli inglesi sono quelli che seguono di più il ‘viaggio ideale’, e non si fanno influenzare. I tedeschi sono i più bravi a risparmiare, mentre i francesi sono i meno attenti ai listini. Il passa parola è passato di moda, si sceglie in modo più consapevole e il web sta contribuendo sempre di più al viaggio fai da te. Opodo ha chiesto a un panel di viaggiatori italiani, francesi, tedeschi ed inglesi come pianificano una vacanza e quale sia il viaggio perfetto. Il 50% ha risposto che la scelta nasce da motivi profondamente personali.
Ognuno ha in serbo una lista di destinazioni ideali che determina – quando è possibile e quando lo consente il budget - la scelta del viaggio. In ogni viaggio c’è come ‘un motivo di fondo’ che orienta le scelte. Gli inglesi sono quelli più fedeli a questo principio (70%) e non cambiano facilmente itinerario, magari rinunciando quando non è possibile. Come seconda motivazione, dopo quella del proprio immaginario, ci sono le riviste, i libri e i film, ai quali seguono le raccomandazioni di amici, che però non sono prese in particolare considerazione da francesi e inglesi. A sfatare che sia il passaparola uno dei motivi trainanti di una scelta, c’è anche un altro dato che emerge dal sondaggio: le foto vacanziere di spiagge caricate dagli amici su Facebook, non paiono avere un’influenza decisiva per decidere un viaggio. E’ comunque il mare a far sognare di più: l’idea di una lunga spiaggia bagnata da acque turchesi fa venire voglia di partire verso mete esotiche alla metà dei francesi e tedeschi e al 60% degli italiani.
Gli inglesi sono quelli che tra gli europei sono invece più attratti da parchi naturali e paesaggi incontaminati e selvaggi. Secondo il sondaggio di Opodo,le metropoli con grattacieli scintillanti sono invece destinazioni poco popolari per francesi, italiani e tedeschi. Per quanto riguarda l’organizzazione del viaggio vince ormai il ‘fai da te’ che è ormai un must, soprattutto per gli inglesi (73%), seguiti dagli italiani (62%) e dai tedeschi (58%) che preferiscono di gran lunga arrangiarsi da soli nell’organizzazione del proprio viaggio. Solo i francesi si distaccano un po', con una percentuale del 44%. A causa della crisi o per una maggiore conoscenza delle dinamiche, i turisti ormai sono sempre più attenti alle spese e sanno bene anche come muoversi nella giungla delle offerte. E sanno anche aspettare per trovare quello che è più conveniente.I più bravi comunque sono i tedeschi i meno attenti sono invece francesi. Il 70% dei tedeschi e il 60% circa di inglesi e italiani aspettano di trovare le migliori offerte per partire, mentre Solo il 40% dei francesi aspetta le offerte per pianificare la propria vacanza. Il sondaggio esplora anche le aspettative e sono gli italiani a sembrare i più curiosi, comunque quello che emerge è che per l’86% degli intervistati, la priorità è quella di esplorare la cultura del paese che si sceglie. Non si viaggia solo per guardare i luoghi ma per conoscerne anche ciò che c’è dietro. Comunque quello che si afferma è un turismo sempre più green, il viaggio è visto dalla maggior parte di persone come scoperta della natura, al secondo posto c’è il desiderio di relax e al terzo posto il desiderio di fuggire dalla routine.
ansa

Il Salone del gusto di Torino (25-29 ottobre al Lingotto Oval, abbinato a Terra Madre)

- L'obiettivo e' di ridurre del 70% l'impatto ambientale rispetto all'edizione del 2006, arrivando a non superare la soglia delle 130 tonnellate di rifiuti (58 in meno) e di limitare le emissioni inquinanti a 570 tonnellate di C02 (contro le 1.600 del 2006). Il Salone del gusto di Torino (25-29 ottobre al Lingotto Oval, abbinato a Terra Madre) vuole ridurre ancora di piu' l'impronta ecologica di una manifestazione che, in cinque giorni di apertura, richiama, tra visitatori ed addetti ai lavori, 200 mila persone.

Il traguardo e' quello di arrivare ad una quota del 70% di rifiuti differenziati, destinati al riuso. Due anni fa, nell'ultima edizione, la raccolta differenziata aveva preso una porzione del 58,5%, nel 2006, anno di riferimento per il progetto di un Salone 'eco-sostenibile' messo in campo dagli organizzatori di Slow Food, la quota dei rifiuti divisi per categoria era stata appena del 16,2%.


''Ma non ci accontentiamo di separare i rifiuti - spiega Roberto Burdese, presidente di Slow Food Italia - ne seguiremo e garantiremo il processo di riciclaggio''. Per tutti gli scarti sono gia' definiti destinazione e riuso: l'organico finira' ad un impianto di Santhia' (Vercelli) e sara' riciclato in compost di qualita' per uso agricolo; la plastica andra' a Piobesi (Torino) dove verranno realizzati oggetti in Pet riciclato.


Vetro e lattine saranno portate a Lonigo (Vicenza), carta e cartone diventeranno carta per le pubblicazioni di Slow Food Editore. Il legno verra' usato per farne altri oggetti ed, infine, lo stesso indifferenziato verra' utilizzato, almeno in parte, per produrre energia da combustione.
(ANSA).

La città del vino. Tour tra i vigneti e le storiche cantine di Vienna

(di Ida Bini)
Lunghi filari di vigne ricoprono le verdi colline dei sobborghi che circondano Vienna: i generosi vigneti della capitale austriaca occupano un enorme territorio (circa 700 ettari), tutelato con rigide leggi ambientaliste sull’edificabilità, dove più di 300 viticoltori producono in 12 storiche cantine ottimi e prestigiosi vini bianchi e rossi. Sono numeri importanti per l’economia austriaca e per Vienna, l’unica città al mondo che vanta all’interno di un centro urbano un’eccellente produzione di vino Riesling, Sauvignon Blanc, Grüner Veltliner, Weißburgunder, Gelber Muskateller e del rosso Zweigelt. I primi a introdurre a Vienna sistemi innovativi per la coltivazione della vite furono i Romani; nel tardo Medioevo gran parte degli attuali distretti erano già ricoperti di vigne, aumentandone il numero verso i sobborghi periferici.
Quest’aspetto insolito della capitale austriaca si scopre passeggiando a piedi o in bicicletta tra i vigneti appena vendemmiati con vista sul Danubio dei distretti di Kahlenberg, Nussberg, Grinzing e Bisamberg e nel sobborgo di Mauer, dove il fiume e il bosco viennese creano un microclima ideale.Oppure visitando le cantine – storiche e moderne - sparse per la città ed entrando nelle tante taverne (Heuriger) a bere il vino nuovo (entro l’11 novembre) e a gustare le prelibatezze gastronomiche locali. Ogni produttore di vino, infatti, oltre alle cantine ha almeno un Heuriger dove viene servito il proprio vino novello e le migliori etichette accompagnate da zuppe di funghi, Schnitzel (cotoletta di vitello impanata) e crauti. L’Heuriger è un’allegra taverna, un locale informale e piacevole con intimi giardini, verande o accoglienti salette, riconosciuto ufficialmente nel 1784 dall’imperatore Giuseppe II; oggi sono irresistibili tappe dove bere una grande varietà di vini, ottenuti anche da coltivazioni biodinamiche, e mangiare cibo viennese in compagnia e al suono di valzer. L’autentico Heuriger viennese si riconosce dalla scritta Ausg’steckt e da una frasca di pino appesa all’entrata che indica che il locale è aperto ma alcune di queste taverne si trovano in palazzi storici, come quello sorto in un ex convento restaurato e di proprietà dei fratelli Wieninger (www.wieninger.at) nell’area di Stammersdorf dove si fa coltivazione biodinamica.
Oppure l’Heuriger e le cantine a volta con le pareti in mattoni tra le vigne di Grinzing del celebre produttore di vini biologici Stefan Hajszan Neumann (www.hajszanneumann.com) dove anche il cibo è bio. C’è anche il locale dei produttori Weingut-Langes (www.weingut-langes.at) di Bisamberg che hanno trasformato le ex stalle del castello di Abensperg-Traun in una grande e accogliente taverna. Storica e imperdibile è la taverna del produttore Mayer am Pfarrplatz (www.pfarrplatz.at), che si trova in una casa dove visse Ludwig van Beethoven accanto alla cantina Altwein-Keller; i vini che qui vengono serviti hanno avuto la fortuna di essere stati fermentati a suon di valzer e delle note di Bach, Haydn e Mozart. L’elenco è lungo ma si consiglia una sosta anche da Fuhrgassl-Huber (www.fuhrgassl-huber.at), dove si beve un ottimo Riesling del colle Nussberg; nel tradizionale Kierlinger (www.kierlinger.at), in un ambiente storico, dove si degusta il miglior formaggio spalmabile di Vienna; da Winzerhof Leopold (www.winzerhof-leopold.at) con un ottimo buffet e una cantina di vini pluripremiati. Tante e tutte da visitare per gli acquisti o le degustazioni sono le cantine, prestigiose e interessanti anche dal punto di vista architettonico, come Cobenzl (www.weingutcobenzl.at), di proprietà del Municipio, con etichette di grande prestigio, e, nel cuore della città, le 6 cantine con 60mila pregiate bottiglie del Palais Coburg (www.coburg.at), uno degli alberghi più eleganti di Vienna, con una ricca biblioteca, uno spazio per degustazioni e una sala delle cantine interamente dedicata allo champagne viennnese. La sua collezione di vini rari è una delle migliori del mondo e ha ricevuto numerosi riconoscimenti. Molto interessanti sono l’azienda vitivinicola e l’Heuriger di Rainer Christ (www.weingut-christ.at) nel sobborgo di Wien-Jedlersdorf, dove la modernissima cantina è stata realizzata usando semplici materiali come la pietra, il vetro e il legno. La cantina Villon (www.villon.at) è una delle più antiche di Vienna, nata 500 anni fa nel cuore della città: qui si possono fare visite guidate ai quattri piani e fare degustazioni a lume di candela. Da non perdere, infine, c’è la spumanteria Schlumberger (www.schlumberger.at), la più antica d’Austria, la cui cantina risale a 300 anni fa: è un vero labirinto lungo diversi chilometri, dove durante le visite si possono osservare le diverse fasi della produzione dello spumante.
ansa

Toscana "slow", sul treno a vapore. Al via il 14 ottobre "TrenoNatura", in val d'Orcia e monte Amiata fra sapori e colori d'autunno

La Val d'Orcia, il monte Amiata, le Crete di Siena: un angolo di Toscana da scoprire su vecchi tracciati ferroviari fra i colori e i sapori intensi dell'autunno. Chi ha in mente una giornata all'insegna della 'lentezza' rigenerante e della buona tavola può cominciare a segnare le date del TrenoNatura, iniziativa a cura dell'associazione Ferrovie Turistiche Italiane al via il prossimo 14 ottobre.

Un'occasione per coppie, gruppi di amici e famiglie, per ammirare vallate patrimonio Unesco, prati e boschi che dalle mille sfumature di verde ingialliscono e passano gradualmente a quelle dell'ocra e del marrone. Gli itinerari si svolgono nei
fine settimana fino a metà dicembre e ogni volta toccano borghi e mete diverse in concomitanza di fiere, mercati o sagre di stagione. Un viaggio in Toscana reso unico anche dal mezzo utilizzato: si tratta di littorine d'epoca e treni storici a vapore che quasi traghettano i visitatori in un'altra dimensione. Tra le destinazioni ci sono il Parco Faunistico del Monte Labro, il Parco dell'Uccellina, il monte Amiata.

Il
calendario di quest'autunno-inverno è ghiotto: si parte da Siena, il 14 ottobre, alla volta di Vivo d'Orcia per la sagra del fungo porcino; il 21 ottobre si può partire da Siena per la festa della castagna sul Monte Amiata o da Pistoia e Firenze per la sagra delle Castagne di Marradi. Il 4 novembre si viaggia verso la sagra del crastatone di Piancastagnaio, mentre l'11 e il 18 novembre si raggiunge rispettivamente da Siena e da Grosseto la mostra-mercato del tartufo a San Giovanni d'Asso. Il 2 dicembre il treno a vapore va alla scoperta dei mercatini di Natale dell'Amiata, l'8 dicembre fa tappa a San Quirico d'Orcia per la Festa dell'olio nuovo. Ultimo viaggio per quest'anno il 16 dicembre a Fabro per il 150/mo anniversario della sua stazione.

Oltre al TrenoNatura in Toscana, chi ama i treni storici turistici può prendere in considerazione anche il
TrenoBLU che esplora allo stesso modo la Lombardia. Tra le prossime date ci sono l'11 novembre con il treno a vapore da Milano alla scoperta del vino novello in Franciacorta, il 17 novembre verso Cremona e la festa del Torrone, e poi il 25 novembre, il 2 e l'8 dicembre alla volta dei suggestivi mercatini di Natale a Trento. Informazioni: www.ferrovieturistiche.it.
ansa

Comprensorio del Cervino: pronti, si scia Stagione al via il 13-14 ottobre. Apertura garantita degli impianti su ghiacciaio, versante svizzero

Al via la stagione sciistica sul Cervino per chi non vede l'ora di provare l'ebrezza di una discesa sugli sci. Si comincia nei weekend del 13-14 e del 20-21 ottobre con l'apertura garantita degli impianti su ghiacciaio, lo Zermatt del versante svizzero, mentre dal 27 ottobre gli impianti saranno aperti tutti i giorni fino al 5 maggio 2013. L'apertura di Valtournenche è in programma il primo dicembre.

Il comprensorio di Breuil-Cervinia Valtournenche Zermatt è fra i più estesi delle Alpi e consente di districarsi su impianti e piste lungo tre vallate fra Italia e Svizzera: si va dai 3.883 metri del Piccolo Cervino ai 1.524 di Valtournenche per un totale di 360 chilometri di piste. Al momento, precisano i responsabili del comprensorio, sono in previsione di apertura gli impianti su ghiacciaio e quindi in territorio svizzero (è richiesto skipass internazionale), mentre ulteriori impianti apriranno a seguire in base alle condizioni della neve. Sul ghiacciaio si può praticare sci alpino, in discesa, e ci si potrà divertire allo Snowpark, luogo ideale per snowboarder e freestyle skier.

L'inaugurazione della stagione invernale arriva con un paio di novità per le piste della conca del Breuil. Si tratta di due nuovi tracciati disegnati nella zona del Pancheron e del Cretaz. Il primo è Gran Roc (di media difficoltà, sulla cartina piste indicata con il numero '62') che scende in parallelo al percorso dello 'slow ski' ('9 bis') ed esaurisce la sua discesa nella conca del Cretaz, immettendosi nella '5', il cui tracciato termina in paese (partenza della seggiovia Cretaz). Gran Roc si raggiunge con la seggiovia a sei posti e cupole di protezione "Pancheron". L'altro tracciato è Vallone 5 (sigla '5bis'), ideale per uno sci turistico e per osservare stambecchi e camosci.
Informazioni su www.cervinia.it.
ansa